Una prestazione tutta da dimenticare, quella messa in mostra lunedì sera dal Frosinone in occasione della trasferta di Verona contro il Chievo. Al di là della sconfitta per 2 a 0, infatti, i canarini non sono mai entrati in partita, confermando un'evidente involuzione che va avanti già da diverse partite. Alla resa dei conti, nessuno dei calciatori mandati in campo da Nesta nell'arco dei novantaminuti èriuscito araggiungere la sufficienza piena.

I "meno peggio" in campo, se ci è consentito questo termine, sono risultati Lorenzo Ariaudo e Mirko Gori, che hanno ottenuto una media generale di 5,83. Alle loro spalle Andrea Beghetto (5,72), che ha preceduto un'altra coppia. Quella composta da Francesco Bardi e Camillo Ciano. Passiamo a questo punto a quella che è la nuova classifica del nostro concorso il Leone dell'Anno, dopo la disputa di questa ultima giornata.

In testa è balzato Lorenzo Ariudo, sceso da 6,23 all'attuale 6,21, che ha scavalcato l'ex leader Marcus Rohden (il centrocampista svedese è passato da 6,24 a 6,20). Si conferma in terza posizione Federico Dionisi che, al pari dei due compagni che lo precedono in classifica, ha visto il suo 6,21 diminuire e trasformarsi in un 6,17. Invariata anche la quarta piazza che è sempre appannaggio di Marco Capuano. Il difensore vanta una media generale di 6,16 (prima della sfida del "Bentegodi" era di 6,20).

Nulla di nuovo anche per quel che riguarda il quinto posto dove troviamo sempre Raffaele Maiello (passato da 6,16 a 6,13). Il centrocampista precede nell'ordine gli ultimi sette compagni che vantanouna media generale positiva: Francesco Bardi (6,12), Luca Paganini(6,11), Nicolò Brighenti (6,10), Camillo Ciano (6,09), Andrea Beghetto (6,08), Alessandro Iacobucci (6,04) e Andrea Tabanelli (6,00).

Tutti gli altri hanno una media generale al di sotto della sufficienza. A cominciare da Alessio Tribuzzi (5,99), seguito da Mirko Gori (5,98), Andrjia Novakovich (5,97), Przemyslaw Szyminski (5,96), Nicolas Haas (5,95), Luka Krajnc (5,92), Alessandro Salvi (5,85), Francesco Zampano e Salvatore D'Elia (5,81), Luca Matarese (5,80), Nicola Citro (5,62), Matteo Ardemagni (5,38), per finire con Mattia Vitale (5,36).