Secondo giorno di lavoro di questa nuova settimana che si è aperta lunedì per il Frosinone che, a differenza dei quattro precedenti da quando la squadra è tornata ad allenarsi al gran completo anche se in maniera individuale, è risultato molto più duro e intenso di quello delle sedute precedenti. Il tecnico Alessandro Nesta e i suoi collaboratori, infatti, hanno impegnato i calciatori in un lavoro sulla forza e resistenza con una serie di ripetute in salita in una località prossima alla struttura della "Città dello Sport" di Ferentino.

Un'altra novità dell'allenamento di ieri, oltre appunto al duro lavoro svolto, ha riguardato la composizione dei tre gruppi nei quali da mercoledì scorso viene suddivisa la rosa di squadra dei ciociari. Nesta e i suoi collaboratori hanno, come si suol dire, mischiato le carte, spostando calciatori da un gruppo all'altro ma, comunque, sempre formati da nove elementi (uno) e dieci (gli altri due). Inalterato anche il via delle tre sedute, che si sono svolte alle 9, 11 e nel primo pomeriggio.

Da oggi, intanto, sempre in attesa di conoscere l'eventuale data di ripartenza del campionato e quindi passare agli allenamenti collettivi, i tre gruppi dovrebbero subire una nuova variazione nella loro composizione. Con molte probabilità, infatti, l'allenatore del Frosinone dovrebbe optare per una divisione per reparti. In altre parole i tre gruppi dovrebbero essere formati dai difensori il primo, dai centrocampisti il secondo e dagli attaccanti il terzo. Mentre i tre portieri lavoreranno per loro conto come è già accaduto nella giornata di ieri (anche se in gruppi diversi, Bardi, Iacobucci e Bastianello non hanno seguito i compagni ma sono rimasti a lavorare all'interno della "Città dello Sport").