E' stata, la quarta di ritorno nel girone L di seconda categoria, una giornata che potrebbe aver scritto una pagina decisiva nell'economia dell'intero campionato. La sconfitta dell'Hermes Giuliano di Roma in quel di Atina, infatti, scava un solco importante tra le prime due della classe e porta l'Atletico Supino Frusino, vincitore in casa contro il Chiaiamari, a più sette sulla squadra di Napoleoni.

Nonostante sia ancora presto per parlare di fuga è indubbio che, quando mancano undici giornate al termine, per la prima volta il vantaggio della prima sulla seconda supera i tre punti e rende non decisivo l'esito dello scontro diretto.
L'allungo al vertice del Supino è, certamente, la notizia principale emersa da un turno che va in archivio senza pareggi, con quattro vittorie casalinghe e tre successi esterni. Ventiquattro le reti complessivamente realizzate per una media di quasi 3 gol e mezzo a partita.
Ma andiamo con ordine e passiamo all'analisi delle singole partite disputate.
Vittoria all'inglese per la capolista Atletico Supino Frusino che batte in casa l'Atletico Chiaiamari. La settima vittoria consecutiva per la squadra di mister Vespaziani arriva grazie a due gol segnati nella ripresa dalla coppia Torre e Trenta. Il primo si carica sulle spalle l'onere di sbloccare il risultato al 15' della ripresa mentre al secondo spetta il compito di scrivere la parola fine sulla sfida segnando il gol del definitivo 2-0 al 75'.
Come detto in sede di apertura la notizia della settimana è a sconfitta dell'Hermes Giuliano di Roma sul campo del migliore Atina della stagione. Ciò che fa impressione comunque non è la sconfitta in se, l'Atina è squadra forte che può mettere in difficoltà chiunque, ma le proporzioni con cui è maturata. Per la prima volta dall'inizio della stagione la squadra giulianese è apparsa in grande difficoltà e sostanzialmente non in grado di opporre la dovuta resistenza alla formazione avversaria. Il match si è messo subito malissimo per l'Hermes che dopo solo 1' era costretto a subire la rete dell'Atina segnato da Orlandi. Al 12' arrivava il raddoppio firmato da Lorenzo De Luca. A quel punto gli ospiti provavano a rialzare la testa e poco prima della mezz'ora accorciavano le distanze con la rete di Speciosi che mandava le due squadre al riposo sul 2-1. Dall'intervallo chi si attendeva la reazione dell'Hermes veniva deluso perchè nel finale di gara era invece l'Atina a venire fuori e allungare nel risultato. Al 65' Emiliano De Luca dava il via al suo personale show segnando il 3-1 con una pregevole semirovesciata e al 77' metteva il sigillo sulla partita chiudendo in rete un veloce contropiede dell'Atina.
Ora l'Hermes più che insidiare il primato del Supino deve guardarsi le spalle dal ritorno del Vallemaio che batte il Frosinone 2000 e si porta ad un punto dal secondo posto. La gara di Corso Lazio è stata, però, più difficile del previsto per la squadra di Nardone e questo soprattutto per merito di un Frosinone 2000. Andata sotto di due gol nel primo tempo, reti di Gilvari e Suffer, la squadra del capoluogo rimonta nella ripresa a acciuffa il 2-2 con i gol di Del Brocolo e Fabrizi. A salvare il Vallemaio ci pensa, però, Stati che in pieno recupero trova la zampata che regala tre punti pesantissimi alla sua squadra che sale al quarto posto.
In quarta posizione c'è anche l'Atletico Veroli che va ad espugnare il campo della Sandonatese al termine di una gara che ha visto la dirigenza locale contestare molto la conduzione arbitrale. Sul campo le cose si sono messe subito bene per i verolani che vanno al riposo sul 3-0 grazie ai gol di Pagliarella, Capogna e Fiacco. All'80' arriva la rete della bandiera della squadra di casa firmata da Cedrone.
Atina e Veroli scalano la classifica favorite da quella che è la vera sorpresa della settimana e cioè la sconfitta della Bovillense in casa contro l'Esperia. Quest'ultima arrivava alla sfida all'asciutto di vittorie e pochi la accreditavano di un possibile successo. E invece l'Esperia, confermando i recenti progressi, ha subito messo in chiaro di non essere in vacanza e trovava il gol del vantaggio con Terilli al 4'. Gli ospiti resistevano alla reazione della Bovillense e anzi riuscivano a raddoppiare grazie al gol di Corte al 60'. Tardiva e inutile la rete della Bovillense segnata da De Vellis al 70'.
Tre punti anche per il Posta Fibreno che batte in casa una Vis Sora in piena emergenza-infortuni. I gol del meritato successo postese portano la firma di Castellucci e Staffieri.
Incamera tre punti molto pesanti in chiave salvezza lo United Cominium che supera in casa il Football Club Supino. E' Macioce a sbloccare il risultato al 35' mentre è di Tata il gol del 2-0 al 70'. Proprio allo scadere arriva la rete, inutile, dei lepini firmata da Pistilli.
Nel girone G è stata la settimana del Pantanello che si è imposto con margine nel derby ciociaro con il Città di Fiuggi. La squadra di Agnoli ha sbloccato il risultato con un rigore trasformato da Marcelino Mata al 4' ed è andata al riposo sul 2-0 grazie alla rete di Sanogo al 27'. Nella ripresa è stato,infine, Mirko Rocchi a chiudere i conti fissando il risultato sul 3-0. Una vittoria che lascia il Pantanello in scia alla capolista Frascati.
Perde invece terreno la Vis Sgurgola che non va oltre il pari casalingo nella sfida con la Nuova Spes Poli, formazione impegnata nella corsa per la salvezza. La squadra di Calvani ha spinto molto alla ricerca del gol ma tanta imprecisione e una conduzione arbitrale che ha lasciato parecchio a desiderare lo staff ciociaro hanno negato la vittoria.

Toni Pironi