L'Arce di patron Alessandro Marrocco si prepara ad affrontare la nuova stagione di Eccellenza con grande entusiasmo. L'arrivo di giocatori importanti come Colò, Sanna, Emanuele, Pintori lascia presagire che gli obiettivi del sodalizio gialloblù potrebbero andare al di là della salvezza.  L'attuale allenatore della squadra arcese, Stefano Campolo, parla così in merito alle ambizioni della società: «Stiamo allestendo una buona rosa. Il nostro intento sarà quello di divertirci su tutti i campi, cercando allo stesso tempo di proporre un gioco aggressivo. Da questo punto di vista, siamo andati a prendere dei giocatori in grado di aiutarci nella fase di possesso palla. Non è facile partire con un gruppo in larga parte nuovo, ma ciò deve rappresentare uno stimolo per noi, oltreché un punto di partenza per andare a creare una mentalità forte. Mi aspetto che sia nelle partite casalinghe che in quelle esterne la squadra dimostri un pizzico di spavalderia».
Un punto di vantaggio per il tecnico ciociaro è sicuramente il fatto di conoscere molti elementi presenti all'interno della rosa. «Diciamo che conosco un po' tutti: alcuni per averli già allenati, altri per averci giocato contro da avversario. La squadra è stata costruita di comune accordo con il presidente, con il quale c'è un rapporto basato su una profonda stima reciproca. Abbiamo scelto insieme gli acquisti da effettuare, i calciatori da confermare, così da creare un gruppo di ragazzi con importanti qualità tecniche e umane». La compagine gialloblù si radunerà il 30 luglio per iniziare la preparazione estiva con le conseguenti amichevoli fissate lungo il cammino di avvicinamento alla prima giornata di campionato. «Le prime sfide in programma saranno il 4 agosto contro il Ferentino, poi l'8 affronteremo l'Anitrella ed il 12 l'Alatri. Credo che sarà fondamentale fin dai primi giorni di allenamento riuscire a trasmettere quei valori che possano permetterci di fare una stagione più che dignitosa. Non dimentichiamoci che l'anno scorso l'Arce non è partita nel migliore dei modi, per cui sarà bene evitare che accada la stessa cosa».