Il Cassino trova l'accordo per il rinnovo dell'attaccante Umberto Prisco ('87) anche per la prossima stagione. La notizia è di venerdì pomeriggio quando l'offensivo campano ha apposto il proprio autografo alla causa biancazzurra dopo gli ottimi sei mesi disputati nella seconda parte dell'anno sotto la celebre abbazia benedettina.  Trattativa non facile perché Prisco grazie alle 7 reti in 17 presenze da dicembre scorso, si è riabilitato nello score di marcatore dopo la prima parte di stagione giocata in casacca Herculanum con più ombre che luci (1 sola realizzazione e tanta panchina per lo spilungone napoletano). Prisco negli ultimi anni è stato molto prolifico: 32 gol dal 2015 al 2017 in un'ottantina di presenze. Ma è il lavoro oscuro, quello che giova all'economia della squadra, che le statistiche non raccontano. L'ex Vasto è una prima punta molto abile di testa che non disdegna fare movimento e creare spazi per gli inserimenti dalle retrovie dei compagni; difende bene il pallone ed è un ottimo salvagente nei momenti di pressione avversaria quando c'è da rifiatare. Va a fare reparto col prolifico Francesco Marcheggiani che negli scorsi giorni ha formalizzato anch'egli l'intesa con la società di patron Nicandro Rossi. Andrà a costituire una prima linea di livello assoluto per la categoria: due punte strutturate ma non statiche che, probabilmente, indurranno mister Corrado Urbano a cambiare il 4-3-3 della stagione 2017-18, impostando il suo credo calcistico in maniera differente avendo a disposizione calciatori con caratteristiche diverse da quelle dello scorso anno.

Ma non si concludono qui gli arrivi in casa biancazzurra. Nelle stesse ore del rinnovo di Prisco arrivavano gli accordi con un paio di under: Francesco Proto e Francesco Vignes entrambi classe 1999 ed entrambe scuola Salernitana. Il primo è una vecchia conoscenza del diggì Di Santo che l'ha avuto in quel di Rieti nella seconda parte di stagione saggiandone le qualità. Proto è un centrocampista che ha collezionato 7 presenze in casacca reatina a partire dal mese di gennaio. Vignes, invece, arriva dalla Primavera del sodalizio cadetto di Claudio Lotito ed andrà a ricoprire il ruolo di esterno di difesa. Nei prossimi giorni si attendono nuove ufficialità perché la rosa da consegnare a mister Urbano da parte di Di Santo ha ancora bisogno di diversi puntelli.  Resta calda la pista che porta al capitano del Rieti Luciano Tirelli: il Cassino sembra in pole position per accaparrarsi il polivalente mediano anche se la concorrenza per il pezzo pregiato non manca affatto.