Dopo 20 anni Anagni torna nel massimo campionato dilettantistico con l'intenzione di restarci il più a lungo possibile. Lo dimostra il mercato, intensissimo in questi giorni per il direttore sportivo Tomassi impegnato a 360 gradi su più fronti. E questo nonostante degli addii dolorosi. Un cammino entusiasmante quello del Città di Anagni, una società nata solo tre anni fa che partendo dalla Prima Categoria è stata capace di di un triplo salto in alto che l'ha portata fino alla promozione in serie D. Eppure l'avventura in Eccellenza era iniziata con l'obiettivo di mantenere la categoria. La vittoria finale rende il successo ancora più appagante. Nessuno aveva scommesso sulla squadra allenata da tre stagioni da mister Fabio Gerli ma i biancorossi sono stati capaci di sbalordire vincendo il campionato addirittura con una settimana di anticipo. Dopo la vittoria, però, c'è stato l'addio a mister Fabio Gerli, l'eroe indiscusso delle tre promozioni di fila e al suo posto è arrivato l'ex Teramo Manolo Liberati, tecnico esperto e preparato. Della vecchia rosa sono stati riconfermati i difensori Alessio Pralini e Simone Pappalardo, i centrocampisti Renato Lustrissimi, Gino Flamini, Ernesto Lleshi, Domenico Stazi e Luigi Dolce. Per gli altri protagonisti della splendida cavalcata che ha portato alla vittoria del campionato di Eccellenza sono arrivati i ringraziamenti e i saluti di rito.

Addii consumati comunque in modo consensuale dalle parti come tiene a precisare lo stesso direttore sportivo Diego Tomassi «Abbiamo ritenuto opportuno trattenere solo quei giocatori che hanno sposato il nostro progetto. Per quanto ci riguarda abbiamo lasciato decidere i giocatori in maniera molto serena». L'acquisto dell'esterno d'attacco Luca Di Giovanni è stato il primo colpo di mercato del Città d'Anagni. Il ds Tomassi è riuscito ad assicurarsi le prestazioni del forte attaccante proveniente dalla Nuova Florida inseguito da molti club anche di Lega Pro. Mentre sono notizia di poche ore fa gli arrivi in maglia biancorossa del talentuoso esterno Marco Galvanio, del forte centrocampista ex Audace, Enrico Tataranno, del difensore Marco Contucci ex Frosinone, lo scorso anno con la maglia del Fiumicino e del giovanissimo centrocampista Giovanni Sili proveniente dal Monte San Giovanni Campano.
«Il nostro obiettivo è quello di provare a fare bene e giocarcela con tutti - prosegue Tomassi - e per come stanno andando le cose sono molto fiducioso. Faremo una squadra di categoria. Ci stiamo muovendo per far bene. Negli anni indietro di questi tempi avevamo fatto già finito la squadra ma il mercato di serie D è diverso e ci vuole molta pazienza. Sono arrivati dei giocatori importanti ed altri ancora arriveranno. La piazza di Anagni è ben vista e questo ci fa enorme piacere. Stiamo seguendo le richieste del nostro allenatore e stiamo cercando di accontentarlo su tutto. Il mercato di serie D è un mercato difficile in cui si tratta necessariamente con i procuratori, differente da quello dello scorso anno. Occorre intervenire al momento giusto. Posso dire che arriveranno ancora due portieri di categoria, due attaccanti e due centrocampisti. Poi proveremo a prendere un difensore per aggiustare la rosa ma il grande del lavoro è stato fatto». Insomma un lavoro certosino per il direttore sportivo anagnino in vista del raduno fissato il 23 Luglio. «La prima parte della preparazione la svolgeremo a Paliano - continua Tomassi - mentre poi ci sposteremo a Fiuggi dove giocheremo anche qualche amichevole che stiamo definendo in questi giorni».

Il primo impegno della nuova stagione dovrebbe essere il 29 luglio contro la Primavera del Frosinone. L'Anagni affronterà la prima parte del campionato sul neutro di Paliano in attesa del completamento del Del Bianco, i cui lavori dovrebbero terminare entro novembre. «Questo è un handicap non da poco - conclude Tomassi - perché giocare in una categoria importante come la serie D tutte le domeniche fuori casa può essere pericoloso. Speriamo di poter tornare ad Anagni quanto prima».