In casa Morolo, dopo l'addio di Stefano Campolo e quello dei giocatori più rappresentativi della rosa quali Guido Vezzoli, Simone Casalese, Gianluca Colò e molto probabilmente Matteo Sanna, si cerca di preparare nel miglior modo possibile la stagione 2018/2019, partendo ovviamente dalla scelta del tecnico che siederà sulla panchina biancorossa.

Al momento non c'è una trattativa prossima alla chiusura, ma si rimane su alcuni profili contattati nei giorni scorsi dal direttore sportivo, Adriano Capuano, fra i quali l'ex-Vis Artena Mirko Granieri e l'ex Monte San Giovanni Campano Maurizio Promutico. L'idea è comunque quella di assicurarsi le prestazioni di un allenatore esperto che conosca bene la categoria e che possa guidare una squadra giovane verso l'obiettivo salvezza. Probabile che la prossima settimana sia quella buona per ufficializzare la nuova guida tecnica, anche perché occorre programmare in tempo utile la campagna acquisti. Campagna acquisti che di fatto non può entrare nel vivo senza l'ufficializzazione del nuovo mister. Per quanto riguarda l'assetto societario, il presidente Lelio Martini, coadiuvato dal team manager Angelo Ricci e dal direttore generale Alessandro Latini, si sta muovendo alla ricerca di nuovi soci e sponsorizzazioni. In questo senso, l'eventuale allargamento dei ranghi societari permetterebbe al Morolo di avere maggiore solidità anche dal punto di vista economico, così da allestire una rosa in grado di sopperire alle pesanti partenze menzionate in precedenza. L'intenzione, come ribadito nei giorni scorsi dal patron biancorosso, è quella di portare avanti il progetto, iscrivendosi al campionato di Eccellenza e rafforzando l'immagine di una squadra che rimane un punto di riferimento per tutto il calcio regionale. Al momento, però, la situazione generale è in fase di stallo ed è molto difficile fare previsioni sulla fisionomia del Morolo.