Il Castro dei Volsci si appresta a pianificare la prossima stagione di Prima Categoria. Il quarto posto ottenuto quest'anno è da considerarsi un risultato estremamente positivo, se si pensa al livello degli avversari incontrati. Squadre come Ferentino, Anitrella e Atletico Cervaro si sono dimostrate nettamente superiori al resto delle compagini del girone, di conseguenza il lavoro svolto da Fabio Caracci e i suoi calciatori ne esce ulteriormente fortificato.
Uno degli uomini simbolo dei ciociari è senza alcun dubbio Alessio Fortini, attaccante classe 1989, protagonista di ben sei stagioni con la maglia del Castro. Il centravanti nativo di Veroli parla così del campionato conclusosi un mese fa: «Il bilancio è da ritenersi più che soddisfacente. Ci siamo classificati quarti alle spalle di tre grandissime squadre che hanno macinato punti su punti, specialmente Anitrella e Ferentino. Per quanto riguarda l'Atletico Cervaro, devo essere sincero non pensavo che potesse mantenere un ritmo così alto durante tutta la stagione, ma alla fine mi sono dovuto ricredere. Data la forza di queste formazioni, non possiamo che essere contenti del nostro percorso».

Un quarto posto frutto di un lavoro collettivo importante, poiché ogni giocatore ha saputo mettersi a disposizione del gruppo. «Al di là delle squadre che ci hanno preceduto, siamo stati bravi a mantenere le distanze nei confronti delle concorrenti che ci hanno insidiato la quarta posizione. Negli scontri diretti abbiamo ottenuto delle vittorie preziose, grazie soprattutto al nostro spirito di squadra che mai come quest'anno è stato fondamentale». A livello personale, Alessio Fortini si ritiene parzialmente soddisfatto di quella che è stata la sua stagione. «Credo di aver fatto meglio in altri anni, ma non posso dire che questa sia un'annata al di sotto delle attese. Ho avuto qualche infortunio che ha condizionato le mie prestazioni. Come sempre però la cosa più importante è che la squadra continui a far bene, le ambizioni individuali passano in secondo piano».
Per quanto concerne il futuro, la dirigenza giallonera ha intenzione di continuare il suo percorso di crescita. «La prossima settimana ci sarà un incontro per definire le linee guida della stagione. La volontà è quella di confermare lo zoccolo duro della rosa, mantenendo mister Caracci in panchina. Visti i risultati raggiunti, penso ci siano tutti i presupposti per poterci migliorare. L'imperativo è lavorare con umiltà ed impegno per rendere il Castro ancora più competitivo».