Alla sua prima stagione nel campionato di Eccellenza, l'Insieme Ausonia può ritenersi assolutamente soddisfatta per quanto fatto nel girone di andata. La compagine biancoazzurra ha, infatti, totalizzato venticinque punti ed attualmente si trova al nono posto in classifica nel girone B. Un piazzamento di tutto rispetto, se si pensa che la formazione ausoniese ha cambiato due volte la guida tecnica e che l'undici cassinate si è messo dietro compagini importanti come Formia o Cavese.  Il patron biancoazzurro, Alessandro Anelli, esprime un giudizio inerente ai risultati raggiunti dalla sua squadra. «Abbiamo disputato una prima parte di stagione dignitosa. Probabilmente abbiamo perso qualche punto per strada, ma complessivamente non posso lamentarmi del rendimento dei ragazzi. Ora sarà bene riprendere con forza e convinzione dopo le feste, quando avremo un importante match contro il Roccasecca». Il girone di ritorno si preannuncia davvero interessante. «Molte squadre si sono rinforzate durante il mercato invernale, per cui la lotta sarà ancora più ardua. Il mio auspicio è quello di mantenere l'attuale posizione in classifica senza troppi patemi d'animo».

Dopo il breve interregno di Alessandro Rosolino, la squadra è tornata nelle salde mani di Roberto Gioia. Un uomo di fiducia, oltreché un ottimo allenatore. «La parentesi Rosolino è servita a tutti noi per comprendere meglio ciò che serviva alla squadra. Il ritorno di Roberto Gioia è stata la cosa giusta da fare per restituire serenità all'ambiente. Considero Roberto come un figlio, del resto ci conosciamo da tanti anni. A volte succede che vi siano delle divergenze e delle arrabbiature anche fra persone che si vogliono bene, la cosa fondamentale è capire che si può sbagliare». La rosa biancoazzurra ha sempre messo in mostra dei valori importanti. Ora, con i diversi acquisti fatti a dicembre, si può ambire a migliorare il rendimento avuto in queste diciassette giornate. «La squadra è decisamente più completa rispetto a prima, ma i nuovi arrivati devono ancora integrarsi al meglio. Emma è un giocatore importante così come Di Palma, da ambedue, però, mi aspetto un apporto ancora più incisivo. Sono convinto che con il tempo sapranno mettere in mostra tutte le loro doti e ci aiuteranno a migliorare sotto tutti i punti di vista».
Ma ciò che negli anni ha consentito all'Insieme Ausonia di conseguire dei risultati importanti è il grande senso di appartenenza che tutti possiedono nei confronti dei colori biancoazzurri. «Il nostro segreto sta nell'essere una grande famiglia sportiva. Ci sentiamo profondamente attaccati a questa maglia e ciò ha fatto si che ci distinguessimo rispetto a tante altre squadre. Ogni domenica ci seguono tantissimi tifosi che partecipano con entusiasmo al nostro progetto. Siamo un piccolo paese, per cui non abbiamo le risorse che possono esserci in altri posti, ma se manteniamo questa passione possiamo toglierci delle soddisfazioni».

Infine, il presidente Anelli parla della valorizzazione del settore giovanile. Una delle tappe dalle quali passare, se si vuole continuare a crescere. «Stiamo lavorando con impegno per dare sempre più visibilità alla nostra Juniores regionale (seconda in classifica nel raggruppamento D ad una sola lunghezza dalla capolista Hermada ndc). Seguo con particolare attenzione i più giovani e devo dire che mi riempiono sempre di gioia. Molti di loro si sono già aggregati alla prima squadra e tanti altri ne faranno parte in futuro, ne sono convinto».