Il Monte San Giovanni Campano vola a ridosso della sorprendente capolista Monte San Biagio e lo fa nel segno di Loreto Macciocca. Il bomber ex Cassino e Ciampino sta dimostrando tutto il suo valore ed in questo primo scorcio di stagione ha realizzato quattro gol in altrettante partite.  Se i monticiani hanno conquistato dieci punti in quattro partite i meriti di Macciocca vanno condivisi con i compagni di squadra che hanno creato sin dal ritiro un gruppo coeso, pronto a competere con le migliori realtà del girone D di Promozione. A segno di destro, di sinistro, di testa, Macciocca ha fatto capire sin da subito di che pasta è fatto; uomo e calciatore di spessore in campo e fuori dal rettangolo di gioco.

Quattro gol in altrettante partite; si aspettava un avvio così?
«Sinceramente, meglio di questo non potevo chiedere all'inizio stagione anche se il bottino poteva essere più cospicuo. Ho realizzato gol decisivi, come quello con l'Alatri, e non posso che essere felice per me, per i compagni di squadra, per il mister, per la società e per i tifosi».

Avere la meglio sull'Alatri non è stato semplice; come mai non avete espresso il gioco messo in mostra nelle altre gare?
«In effetti la gara con l'Alatri non è stata semplice e rispetto ai tre incontri giocati in precedenza abbiamo sofferto non poco pur non subendo azioni da gol. Si è trattato di un incontro strano, brutto, deciso da un episodio».

Sette punti in quattro partite; il bilancio si può considerare senza dubbio positivo...
«Nessuno si aspettava una partenza così importante ed anzi c'è il rammarico per il pareggio subìto in rimonta a Terracina. Potevamo stare in testa alla classifica a punteggio pieno ma va bene così. Continuiamo a lavorare a testa bassa per dare continuità ai risultati ottenuti».

Domenica farete visita al Mistral: che gara si aspetta?
«A Gaeta siamo attesi dalla sfida più difficile di questo avvio di stagione. Si tratterà di una gara insidiosa che dovremo affrontare con lo spirito delle prime tre gare disputate senza tener conto della classifica delle due squadre».

La classifica rispecchia il valore delle squadre in gioco?
«Al momento non ci sono sorprese con Sora ed Itri tra le candidate numero 1 per il salto di categoria. Lo stesso Monte San Biagio va tenuto in considerazione dopo questo filotto di vittorie».