E' sempre estremamente difficile parlare di calcio quando è fermo. E' ancora più difficile quando questo è fermo per una situazione come quella attuale. Ma il calcio, lo sport in generale, è vita e la vita, il richiamo ad essa, è una delle armi più potenti che abbiamo per affrontare un momento che, ne siamo certi, ci metteremo alle spalle. Proprio per tenere caldi gli appassionati approfittiamo di questa pausa forzata per fare il "recap" della situazione nei campionati "minori" che si stanno preparando alla loro fase conclusiva. Partiamo in questo cammino dal torneo di Prima Categoria.

Il girone I, quello ciociaro, è comandato dallo Sport Virtus Guarcino, ormai non più etichettabile al rango di sorpresa. La squadra di Strambi sta superando tutti gli ostacoli che si sono finora frapposti sul suo cammino e ha preso un piccolo margine di vantaggio sulle rivali. Ma soprattutto sta palesando una forza di insieme che è la vera chiave del cammino dei guarcinesi. E', infatti, difficile trovare punti deboli in questa squadra. I numeri sono tutti dalla sua parte: secondo miglior attacco e miglior difesa del campionato (con solo 17 reti al passivo per una media parecchio inferiore al gol subito per gara). E poi lo zero nella casella delle sconfitte, il dato per noi più importante. Un valore, questo, che ci racconta di una squadra capace sempre di portare a casa il risultato anche nelle gare nelle quali non ha giocato al meglio. In assenza di una squadra capace di "ammazzare" il torneo, il Guarcino si sta sempre più proponendo come la squadra faro del girone. Decisive saranno le quattro sfide consecutive che la opporranno (tra tre turni) a Pofi, Isolaliri, Torrice e Colli.
In seconda posizione c'è la Pro Calcio Isolaliri, una squadra che ha avuto un rendimento altissimo sino a gennaio quando ha lasciato qualche punto per strada. Niente di eclatante ma sufficiente a fargli perdere contatto con il Guarcino, ora avanti di quattro lunghezze. I biancorossi hanno le carte in regola per poter riagguantare la capolista ma hanno lo scontro diretto da giocare in trasferta e devono dimostrare di aver messo alle spalle il momento peggiore.
Sul gradino più basso del podio c'è il Colli, un'altra squadra che sta tenendo fede ai pronostici di inizio stagione. La squadra di Sperduti sta facendo il suo ma il cammino fantastico del Guarcino ha scavalto un solco di sette punti. I colligiani hanno dalla loro un attacco atomico che segna più di due gol e mezzo a partita e che può risolvere a loro favore in qualsiasi momento ogni gara.
Chiude il quartetto delle squadre ancora potenzialmente in lotta per il primato l'Atletico Pofi. la squadra di Valenti è in serie positiva da sette giornate la più lunga tra quelle attive al momento. D'altronde il Pofi, squadra costruita per il salto di categoria, non ha alternative che proseguire in questo modo. Al ritorno in campo il calendario prevede la gara casalinga contro il Colli, un match che potrebbe portare Mancini e compagni tra le prime tre.
A seguire c'è il terzetto composto da Castro, Torrice e San Giorgio, squadre distanti dal vertice ma capaci di recitare un ruolo importante nella corsa al primato. Sembrano tranquille Sterparo eSanvittorese mentre con l'Arnara inizia il gruppetto delle squadre che cerca di evitare il ricorso ai playout salvezza.
In particolare, dato ormai per spacciato il Collepardo, sono Scalambra, Ceprano e Casalvieri le più a rischio.

SECONDA CATEGORIA

Supino ad un passo dal salto di categoria. Questo, in estrema sintesi, il commento possibile sulla classifica del girone L di Seconda Categoria. La formazione di Giuseppe Vespaziani sta veleggiando in vetta al raggruppamento ciociaro forte di un vantaggio di otto punti sulla seconda in classifica, l'Hermes Giuliano di Roma. Un distacco importante che sembra mettere al riparo la squadra biancorossa da possibili crisi di fine campionato. Tutto può, chiaramente, ancora accadere ma la sensazione di superiorità che l'Atletico Supino Frusino ha manifestato finora è del tutto evidente. Trascinata da un attacco stellare capace di segnare più di 3 gol per partita la squadra supinese ha pian piano allungato su tutte le rivali che, invece, hanno iniziato a perdere colpi. L'unico passo falso dell'Atletico invece è arrivato nel match casalingo con la Bovillense un inceppamento, però, che non ha avuto seguito. In venti gare giocate il Supino ha collezionato ben 17 successi, 2 pari ed una sola sconfitta. Numeri che danno l'idea la forza di Trenta e compagni.

Al secondo posto, come detto, c'è l'Hermes Giuliano di Roma. L‘ a matricola'undici di Napoleoni sta marciando con un ottimo passo confermando quanto si pensava ad inizio stagione. L'Hermes è squadra nata lo scorso anno in terza ma è stata creata per un veloce ritorno in categorie superiori e dispone di un organico capace sin d'ora di ben figurare anche in Prima. Al momento il discorso legato al primato sembra precluso ma il torneo è ancora lungo.
In terza posizione c'è l'altra matricola terribile della stagione: l'Atletico Vallemaio. Una formazione che segna tantissimo ma che ha perso qualche punto per strada a causa di qualche gol di troppo subito. Il bilancio è comunque ampiamente positivo.
Bene anche il quartetto composto da Bovillense, Atina, Veroli e Posta Fibreno, un drappello di formazioni che si stanno contendendo il quarto posto.
Ci si attendeva di più dalla Vis Sora, partita benissimo, ma persasi nei mesi invernali.
Sandonatese, Football Club Supino e Trivigliano sembrano tranquille a centro classifica mentre Chiaiamari, Cominium e soprattutto Frosinone 2000 ed Esperia dovranno sudare fino al termine per tirarsi fuori dalla zona rossa della graduatoria.
Stanno facendo bene le tre squadre ciociare impegnate nel girone G di Seconda Categoria: Pantanello Anagni, Vis Sgurgola e Città di Fiuggi.
Gli anagnini hanno pagato qualche passaggio a vuoto di troppo ad inizio anno ma adesso sembrano avviati verso un finale di stagione da protagonisti. Al momento sono secondi, una posizione che potrebbe valere il ripescaggio in Prima.
Appena dietro c'è la Vis Sgurgola, una squadra capace di giocare alla pari con tutti ma anche capace di perdere per strada dei punti contro formazioni di seconda fascia.
Tranquillo a centro classifica veleggia il Città di Fiuggi che si sta ritagliando il ruolo di outsider di fine anno.

Toni Pironi