Nessuna sorpresa dal PalaEvangelisti dove, con un prevedibile 3-0, i padroni di casa chiudono la bagarre contro la Biosì Indexa Sora. La Sir Safety Conad Perugia si conferma sempre più prima della classe e aggiunge al proprio già cospicuo bottino altre 3 lunghezze. I bianconeri, così come ogni altra franchigia disputante la SuperLega, erano consapevoli dell'alto rischio di soccombere nel ring umbro, dove quasi tutte sono state chiamate a versare il loro tributo di sangue e ne escono senza il peso di doversi rimproverare qualcosa.

Mister Bernardi schiera De Cecco al palleggio opposto ad Atanasijevic, Podrascanin e Ricci al centro della rete, Zaytsev e Russel sulle bande, Colaci libero. Coach Barbiero risponde con la diagonale Seganov-Petkovic, Mattei e Caneschi in posto 3, Rosso e Nielsen sulle bande, Mauti libero.

Che non sarà una bella giornata per i sorani si recepisce già in avvio di gara, complice Atanasijevic che mette i paletti al suo seminato. Podrascanin si rende estremamente pericoloso e altrettanto efficiente dai 9m ed è dalle sue mani che nasce un allungo preoccupante: +5. A rendere i padroni di casa praticamente insuperabili è anche il fondamentale del muro, sempre ben piazzato. Forte si fa l'esigenza di avere un Petkovic a tutto braccio per placare la veemenza avversaria. Al servizio si appresta capitan Rosso: anche per la bocca di fuoco cuneese è ace e proprio il suo lavoro di fino si rivela fondamentale nell'accorcio sul 12-9. A soli tre passi dal mastino Perugia, la Biosì Indexa non riesce però ad essere abbastanza concreta e precisa per agganciare un pari che intanto diventa un miraggio. Il block di Podrascanin serve uno stop duro da accettare per i bianconeri a cui non resta che limitare i danni il più possibile. Il tecnico Bernardi decide di dare un po' di respiro alle sue prime scelte ed effettua una doppia sostituzione inserendo Shaw per De Cecco e Berger per Russell. Cambiano le carte ma non il risultato: 25-18 per gli umbri.

L'orgoglio desta la reazione: torna sul campo da gioco con un'intensità diversa la compagine del Liri e Mattei ne evidenzia le intenzioni murando il suo contraltare Ricci e siglando così il vantaggio: 3-4. De Cecco, ora nuovamente sul parquet a smistare palloni, cerca il suo centrale per mandarlo a segno e riscattare la dèfaillance precedente. Caneschi ferma a nastro Podrascanin, la benzina l'accendono però Rosso e Petkovic grazie ad un'ottima sinergia con il loro regista: Sora resta in vantaggio, aggrappata ai suoi attaccanti e ad una speranza poi non così azzardata. L'asticella volsca avanza di un altro posto, purtroppo non è però finita ancora. La Sir Safety rialza la testa e dopo un frangente di rimpallo, giunge l'ace di De Cecco, lo stesso che da il via alla rimonta. Gli ospiti si rendono complici loro malgrado con un fallo in fase offensiva, cinicamente ne approfittano gli anfitrioni: 17-17. Coach Barbiero richiama i suoi uomini per schiarirne le idee e inserisce Fey per Rosso. Non mollano la presa le due compagini in battaglia, decide per tutti, dopo un'ultima contesissima, la pipe del sicario Russel: 25-23.

Ci prova con tutta la rabbia agonistica di cui è capace la Biosì Indexa, desiderosa di non abbandonare il match già al terzo game. Prima lo 0-3, poi l'1-5: gli atleti di via Ruscitto aggrediscono e gestiscono il vantaggio tanto che mister Bernardi è costretto ad interrompere i giochi. Lo zar Zaytsev alza il tiro e con perizia agguanta il pareggio. La differenza la fanno un Colaci "piglia tutto" e un attento Russell che finalizza piuttosto agevolmente. Petkovic, macina abbastanza punti da scavalcare nuovamente i locali, De Cecco chiama in soccorso Podrascanin che sigla il 19-19 in veloce. La contesa si infiamma con le due nemiche mai contratte e abituate a spingere; i vantaggi arrivano come da copione quando nessuna vuole lasciare qualcosa di intentato. Due errori bianconeri giungono, però, nel momento meno opportuno, lasciando ai block devils il parziale (26-24), la partita (3-0) e l'intera posta in palio (3).

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – BIOSI' INDEXA SORA 3-0
(25-18, 25-23, 26-24)
PERUGIA: Ricci 6, Russell 12, Zaytsev 9, Atanasijevic 9, De Cecco 3, Podrascanin 12, Colaci (L), Shaw, Della Lunga 1, Berger 1. Ne Anzani, Andric, Cesarini, Siirila. All.: Bernardi
SORA: Caneschi 4, Nielsen 5, Rosso 8, Mattei 5, Seganov, Petkovic 18, Mauti (L), Fey, Marrazzo. Ne Penning, Farina, Lucarelli, Duncan-Thibault. All.: Barbiero
Arbitri: Piperata – Pozzato. Durata: 25′, 28′, 30′. Tot 1h23′. Spettatori 3205