Cassino 83
Patti 57

BPC Virtus Cassino:
Bagnoli 15 (7/9, 0/0), Petrucci 13 (2/3, 3/5), Panzini 10 (1/2, 2/4), Carrizo 8 (1/1, 2/3), Banach 8 (3/3, 0/0), Cena 6 (2/4, 0/3), De Ninno 6 (1/3, 0/0), Del Testa 5 (1/2, 1/5), Sergio 5 (1/2, 1/3), Guglielmo 4 (0/1, 1/3), Di Poce 3 (1/2, 0/1)
Tiri liberi: 13 / 18 - Rimbalzi: 39 8 + 31 (Sergio 8) - Assist: 26 (Bagnoli, Petrucci, Panzini, Cena 4)
All. Vettese; Ass. Incelli
Playa Hotel Patti:
Locci 13 (6/13, 0/0), Fowler 12 (3/8, 2/3), Busco 10 (3/6, 1/1), Legnini 8 (1/5, 2/7), Dispinseri 8 (2/5, 1/4), Sidoti 3 (0/2, 1/4), Ettaro 2 (1/1, 0/1), Piperno 1 (0/0, 0/0), Mazzullo 0 (0/2, 0/0), Pappalardo 0 (0/0, 0/0), Pekovic 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 6 - Rimbalzi: 28 8 + 20 (Locci 7) - Assist: 13 (Fowler, Busco, Legnini 3)
All. Sidoti
Parziali 21-12, 23-18, 21-6, 18-21

Il Cassino non si deconcentra e affronta la terza gara in otto giorni con il piglio delle grande, senza lasciare nulla al caso.
Ne viene fuori una vittoria netta che frutta altri due preziosissimi punti classifica
«Siamo stati bravi a prepararla così come andava fatto e soprattutto a non incorrere in rischi che altre volte abbiamo corso in modo non consono a quelle che sono le nostre possibilità e le nostr capacità», queste le parole al termine del vittorioso incontro contro Patti del team manager della BPC Virtus, Furio De Monaco.
Dunque la Banca Popolare del Cassinate inanella il settimo sigillo consecutivo di questa stagione. La settima vittoria consecutiva, la terza in questa settimana di fuoco per gli uomini di Luca Vettese che raggiungono quota 18 in classifica e questa settimana si prepareranno in palestra per la trasferta di domenica prossima ad Isernia.
Gara senza storia quella al PalaVirtus di via De Feo: la sensazione è stata quella di un dominio assoluto.
«Abbiamo fatto quello che potevamo fare, sapevamo benissimo che avevamo pochissime chance di venire a vincere su questo parquet», ha dichiarato il coach dei siciliani, Sidoti... «perché sapevamo che si sarebbero affrontate due squadre con obiettivi completamente diversi e soprattutto due team strutturati in modo completamente diverso. Facciamo oggettivamente due campionati diversi pur militando nello stesso girone. Da quello che ho visto stasera, ma mi manca ancora Barcellona per avere una visione d'insieme globale delle pretendenti al salto di categoria, penso che Cassino se la possa giocare con tutti fino in fondo. Poi devo sottolineare come io abbia incontrato nel giro di 72 ore sia Palestrina sia Cassino e devo dire che i cassinati mi hanno decisamente impressionato».
Una gara quasi a senso unico ma che in realtà ha avuto un inizio abbastanza anomalo nel corso del quale le due compagini non hanno realizzato segnature per ben 2 minuti e 35 secondi allorquando gli ospiti sono passati in vantaggio con una conclusione dalla lunga distanza di Busco.
E' l'unico vantaggio di serata degli ospiti e dura lo spazio di 20 secondi perché sul capovolgimento di fronte Lorenzo "Lollo" Panzini pareggia con una conclusione dai 6,75.
Da questo momento inizia il progressivo allungo della BPC Virtus Cassino che si concretizza con il + 9 del finale di primo quarto grazie all'assist al bacio di Enzo Cena per un liberissimo Biagio Sergio dal fatidico arco dei tre punti. Il cassinate implacabile insacca tra il tripudio generale il canestro del 21 a 12 proprio sulla sirena.
La BPC resta in controllo delle sorti del match anche nel corso del secondo quarto di gioco che scorre via senza particolari sussulti. Gli ospiti non riescono ad impensierire minimamente i padroni di casa che iniziano a ruotare tutti gli effettivi a disposizione di coach Luca Vettese.
Da segnalare uno spettacolare "pick'n'roll" giocato dal duo Carrizo-Bagnoli che lascia di sasso la difesa ospite e scatena l'entusiasmo in tribuna tra i sostenitori della Virtus Cassino i quali si spellano le mani per il passaggio no-look dell'argentino con la maglia 99 sulle spalle.
Bagnoli comincia finalmente a far sentire il suo peso sotto le plance per le "V" rossoblù e soprattutto Vettese comincia ad utilizzarlo con minutaggi più consistenti. Progressiva crescita del lungo cassinate che chiuderà da top scorer la gara con 15 punti realizzati in 16 minuti effettivi di gioco. Insomma non è ancora il vero Simone Bagnoli ma comincia a farsi sentire.
La seconda frazione di gioco si chiude con i cassinati avanti per 44 a 30.
Si va al riposo lungo con Sergio e compagni in assoluto controllo del match.
Alla ripresa si ha subito l'impressione però che la Virtus Cassino abbia intenzione di accelerare attraverso l'aumentare dell'intensità difensiva. E' così è.
Carrizo e compagni hanno voglia di chiudere le porte ad ogni minima velleità di rimonta da parte degli ospiti. E' così piazzano un micidiale 21 a 6 di parziale.
Di Poce sostituisce egregiamente Panzini che viene fatto riposare da coach Vettese. Sugli scudi capitan Del Testa con una azione difensiva clamorosa condita da un tuffo sul parquet per aprire il contropiede virtussino di Di Poce che con un assist di rara bellezza pesca Cena il quale conclude a canestro per il + 17, 50 a 33, tra gli applausi del pubblico.
Carrizo è implacabile e con una tripla delle sue firma il +20. Banach su assist di Cena segna i primi due punti di serata per il 63 a 33 massimo vantaggio dei padroni di casa. Successivamente il giovane lungo cassinate proprio in chiusura di quarto si esibirà in una schiacciata a difesa schierata di rara bellezza: + 29 per i virtussini cassinati (65-36).
La quarta frazione è una vetrina per gli under cassinati. Patti arriva fino al -21 con un canestro di Ettaro a metà tempo (72-51).
Bagnoli trascina i quattro giovani cassinati, 79 -51, che Vettese gli ha affiancato. Non si intravedono possibilità di reazione per gli ospiti. La gara volge al termine sui due tiri liberi di Bagnoli che fissa il risultato finale sull'83 a 57.
Dunque la BPC Cassino conquista la settima vittoria di fila e si appresta ad affrontare la settimana che porterà alla complicata gara di Isernia . «Restiamo umili», predica Vettese a fine gara «e andremo lontano».