La Milano-Taranto era una gara di gran fondo, molto in auge negli anni Sessanta, insieme al Motogiro d'Italia. Erano gare dove partecipavano, in forma ufficiale, tutti i migliori marchi motociclistici sia italiani che stranieri. Tutti i grandi piloti dell'epoca vi prendevano parte, e tra le altre cose, oltre ad avere spiccate doti, occorreva essere anche un buon meccanico, si correva a volte su strade bianche e le forature erano all'ordine del giorno. Le moto erano attrezzate con materiale di scorta, tipo camere d'aria, candele ed altro. Molte volte i piloti portavano sulle loro spalle anche un pneumatico di scorta. La vittoria rappresentava un veicolo pubblicitario enorme per tutte le aziende motociclistiche. Vincere una MI-TA, significava accaparrarsi una fetta di mercato cospicua, e ricordiamoci che in quegli anni la moto era il mezzo di locomozione più importante. Oggi si corre una rievocazione storica, di questa importante gara, ma non per questo meno affascinante. La partenza c'è stata il 3 luglio a Milano, conclusione il 9 a Taranto. La tappa odierna partirà alle 8 da Perugia, per approdare alle 17,20 a Cassino con l'arrivo del primo conduttore. Il Moto Club Franco Mancini 2000, allestirà in piazza Alcide De Gasperi un gazebo d'accoglienza per Nicola D'Aliesio, pilota che da anni milita tra le fila del sodalizio ciociaro. Nicola è un cassinate, quindi sicuramente tanta gente attenderà con ansia l'arrivo del numero 132. D'Aliesio è anche un valente meccanico e restauratore, con una passione innata per le moto d'epoca e per il marchio Guzzi. Passione, forse ereditata dal papà Bruno, persona squisita. Per il M.C. Franco Mancini 2000, sarà un onore poter allestire un gazebo d'accoglienza per Nicola D'Aliesio, per la sua moto e poter trascorrere con lui qualche bel momento, facendosi raccontare questa edizione della Milano-Taranto.