A mezz'ora circa dal fischio d'inizio del signor Juan Luca Sacchi, il Frosinone e il Foggia entrano in campo per il consueto riscaldamento pre-gara. Per la 42esima giornata del campionato di serie B, l'ultima, a scaldarsi, stavolta, non sono soltanto i muscoli, ma anche i pensieri. Mentre i giocatori si preparano ad affrontare l'ultimo nemico che li separa dal traguardo, sugli spalti il pubblico suona la carica. Ogni settore dello "Stirpe" è saturo, ogni posto utile occupato da chi crede in un sogno chiamato serie A.

La coreografia dei ciociari toglie il fiato, i colori giallo e azzurro sono dappertutto. L'atmosfera è quella giusta, la tensione anche. Le gambe tremano, ma non la voce. Nessun segnale tradisce l'ansia, onesta, di chi ha il diritto e il dovere di contribuire alla causa frusinate con la passione genuina del tifo. E quindi partono i cori.
Sono tutti pronti: la "missione promozione" sta per iniziare.