Due furgoni carichi di beni di prima necessità.
In viaggio verso l'Ucraina. Partiti ieri alle 13 da Frosinone. Scatoloni pieni di medicinali, pannolini, cibo, vestiti, prodotti per l'igiene personale. Sono stati riempiti grazie alla catena di solidarietà di persone dal cuore grande, cittadini, medici, commercianti, che hanno risposto alla chiamata dell'imprenditore Domenico Spaziani Testa, e a quanti non si sono tirati indietro per far in modo che l'aiuto diventasse concreto.

Su quei furgoni c'è proprio Domenico, con la compagna Nataliya Kots, originaria di Leopoli, ed Elvin. L'obiettivo è arrivare a Przemysl, città polacca al confine con l'Ucraina, dove ad attenderli ci sono i referenti delle associazioni che si stanno occupando di distribuire i beni che arrivano quotidianamente. Da lì il tentativo di entrare a Leopoli. Insieme alla Confcommercio Lazio Sud Frosinone, al Caffè 81 di via Armando Fabi, e a diverse realtà della Ciociaria, Domenico Spaziani Testa ha cercato di dare un aiuto al popolo ucraino.

Fino a poco prima della partenza di ieri, tanta la gente che ha portato cibo, vestiti. A quanti hanno contribuito, il grazie di Domenico Spaziani Testa e di Fabio Loreto, vicepresidente Confcommercio Lazio Sud, presente ieri nel punto di partenza insieme ad alcuni rappresentanti della comunità ucraina che vive a Frosinone, raggiunta in questi giorni da alcuni familiari fuggiti dalla guerra.