Una pittura astratta, come astratti sono i teoremi analizzati dall'astrusità della materia, trasformati a livello artistico in un incanto e magico sortilegio, tutto questo si rispecchia nei lavori di Enzo Sabatini.

Le sue zone geometriche dialogano su uno stesso livello, creando continuità tra colori e superfici a contrasto. La sintesi crea delle intonate tensioni armoniche, tesse le corde dissonanti sulle matrici di uno stesso spartito. La griglia dei quadri incastra gli elementi in uno scivolamento tellurico sotto un preciso controllo perimetrale. Il linguaggio del colore e della sua gamma cromatica, unica "voce" percepita come fondamentale armonia nella profonda esplorazione della pittura, si è consolidata nel suo importante e continuo confronto con l'iconografia della forma, mutando immancabilmente tutta la sua vicenda creativa. Il tema centrale dell'operato dell'artista sembra essere la riflessione sull'evoluzione continua dell'animo e sulle sue molteplici sfaccettature, l'esperienza artistica di Sabatini sembra insistere su questa strada per dimostrare quanto ciò che appare quotidiano e scontato in realtà non lo sia affatto.

Ritmi intensi e sovrapposizioni regalano alle sue composizioni geometriche, un'energia primitiva, creando spazi che sono affacci su un animo sostenuto dalla necessità artistica; strati pittorico si avvicendano e si incrociano sulla tela, narrando la storia di un uomo che si confronta con se stesso e con il dilagare delle proprie emozioni, il tutto da incanalare attraverso la sperimentazione tecnica. L'astrattismo di Sabatini rappresenta l'incontro di più sostanze materiche, di policromie dove la linea come un modulo che ne determina geometrie adiacenti, sovrapposte, combacianti e conflittuali. La linea di base mantiene comunque, l'ossatura del quadro, gli angoli sviluppano il sistema ‘muscolare' della forma, da qui l'elastica disposizione al respiro geometrico di ogni modulo cromatico.

La ricerca di Sabatini è una sintesi formale, finalizzata ad evidenziare la capacità evocativa dell'immagine, un continuo lavoro verso nuovi spunti e suggerimenti a nuovi percorsi visuali. L'astrattismo di Sabatini rappresenta l'incontro di più policromie in un superbo gioco di contrasti tra astrazione e rappresentazione.

Composizioni astratte, ma capaci di evocare significati profondi ed emozioni, esse ben inquadrano l'uso razionale della linea e della geometria, l'artista ciociaro attraverso i suoi lavori, dai colori puri e sgargianti, fa emergere la costante ricerca di una sintonia con il dinamismo della vita moderna, e lo fa attraverso l'uso sapiente del colore, giocando con la luce e le varie combinazioni cromatiche.

Nell'opera di Enzo Sabatini assistiamo ad una pittura scientificamente precisa per il suo immenso intreccio di figure geometriche, un'anagramma di dettagli e fantasie, l'eleganza cromatica, così come la valida disposizione scenica, sono manifestazione di una sapienza compositiva eccellente. I colori vivono ciascuno nel proprio spazio, egregiamente inseriti gli uni accanto agli altri, in uno sforzo visivo e interpretativo coinvolgente, che è anche impegno di interazione e partecipazione al sentire dell'artista.