Questa sera Giulia Golia, classe 2006, sarà al fianco di Serena Autieri e di Flavio Insinna nella conduzione di "Prodigi, la musica è vita", in prima serata su Rai Uno alle 21.15. Un viso dolce e delicato, uno sguardo puro di bambina ma la tenacia dell'artista che sa il fatto suo.

Giulia venerdì compirà 13 anni e da quando ha poco più di sei anni la sua vita è la musica, lo spettacolo. Un'indole speciale per una bambina come non ce ne sono più, a dodici anni oltre a frequentare la scuola, la terza media dell'istituto Diamare, Giulia dedica tutto il suo tempo alla sua grande passione.

Una tenacia che l'ha portata a calcare i palcoscenici nazionali più importanti, è apparsa anche in spot e si è esibita con grandi artisti. Poi, l'anno scorso, ha conquistato tutti a Prodigi, la trasmissione dedicata ai piccoli talenti: è stata così coinvolgente da essere richiamata e questa volta sarà al fianco dei conduttori e con loro sarà protagonista di una serata all'insegna di musica, danza, canto e solidarietà per Unicef.

A supportare questa piccola, grande donna, che si è esibita anche in Mary Poppins, la madre Melania, il padre Nicola e il fratellino Nicolas. Perché, per seguire le sue passioni, Giulia ce la mette davvero tutta ma è pur sempre una bimba. È diversa dalle sue coetanee, usa poco i social, non sa neanche cosa sia Instagram ma datele un microfono e un palcoscenico da calcare e tutto il resto passerà in secondo piano.

E a "Prodigi" ci sarà anche un altro giovane artista della città martire, Francesco Bruni, clarinettista figlio d'arte, suo padre, Marcello, è il maestro della banda musicale "Don Bosco" città di Cassino. Un giovane musicista che questa estate si è esibito a Camerino all'European Clarinet Festival, in un cartellone di big nel panorama musicale internazionale, tutti clarinettisti. Francesco era il più giovane e si è "guadagnato" questo importante palcoscenico dopo aver vinto il Concorso Internazionale Samnium. Due stelle luminose motivo di vanto e di orgoglio per tutte la città.