La truffa dello specchietto colpisce a Sora: vittima un’anziana sessantasettenne della città che purtroppo si è vista sfilare via da sotto il naso la ragguardevole cifra di 650 euro. Purtroppo quando si è resa conto che quella inizialmente sembrata una brutta storia era in realtà una truffa, la donna non ha potuto fare altro che sporgere denuncia al distaccamento della polizia stradale di Sora.

I fatti

È accaduto intorno alle 10.30 di ieri mattina. L’anziana dopo aver ritirato la pensione, nel centro della città, si è diretta verso un supermercato di viale San Domenico. È lì che il truffatore l’ha raggiunta e ha messo in atto lo stratagemma. La donna, a bordo di una Fiat Punto, avrebbe improvvisamente sentito un rumore, ma inizialmente non ci ha fatto caso.

Trovato un parcheggio ha lasciato la sua auto e si è diretta al supermercato. Appena è scesa dalla sua macchina ha notato un Suv, con a bordo un uomo, che si è fermato accanto a lei. L’individuo le ha detto che le loro auto si erano toccate e che la donna, facendo manovra, aveva danneggiato lo specchietto del suo suv. Facile immaginare come sia proseguita la conversazione: prima l’uomo ha accusato la sessantasettenne di essersene andata e poi, con fare benevolo, l’ha convinta che potevano chiudere la faccenda senza coinvolgere le forze dell’ordine e senza fare denuncia.

La donna, infine, stremata e probabilmente impaurita temendo conseguenze peggiori, ha pagato l’ingente somma per quello specchietto. Soltanto più tardi la donna ha capito di essere stata imbrogliata e si è rivolta alla Polstrada di Sora.

Agli agenti ha fornito elementi sufficienti per far partire subito le indagini e consentire ai poliziotti di mettersi sulle tracce del truffatore.

Purtroppo quella dello specchietto non è l’unica “trovata” che gente senza scrupoli utilizza per estorcere denaro, soprattutto agli anziani. Anche il finto investimento è uno stratagemma molto utilizzato. E, a quanto pare, riescono sempre a trovare qualche vittima.