Molti cittadini e imprenditori non hanno ricevuto con adeguato anticipo l'avviso di pagamento per la Tari a causa di un ritardo tecnico informatico. Ma il Comune è corso subito ai ripari. E il sindaco Simone Cretaro ha tenuto a rassicurare tempestivamente i cittadini:«Nessuna sanzione sulla prima rata Tari 2018 in scadenza nel mese di maggio».

L'ufficio tributi comunale è a disposizione di tutti coloro che volessero informazioni in merito alle scadenze e per dare ogni utile suggerimento in merito. Sono, infatti, in arrivo alle famiglie ed imprese,i bollettini per il pagamento dell'imposta annuale sui rifiuti le cui scadenze, per coloro che decidono di effettuare i versamenti a rate, sono fissate nei fine mese di maggio (1° rata), luglio(2° rata), settembre (3° rata) e novembre (4° ed ultima rata). Ma, come detto, non a tutti è arrivato nei giusti tempi il bollettino del mese di maggio che sta ormai per concludersi. Pertanto, seppur pagata dagli utenti con qualche giorno di ritardo, non verrà applicata alcuna sanzione per ritardato versamento. Ciò in quanto, problemi di carattere esclusivamente tecnico-informatico, non hanno consentito di recapitare con adeguato anticipo gli avvisi dei ruoli della Tari 2018 così come sempre avvenuto nelle annualità pregresse.

«Un ritardo tecnico non può ricadere su cittadini ed imprese – dice il sindaco, Simone Cretaro – e, pertanto, abbiamo immediatamente predisposto che tutti saranno salvaguardati sul pagamento avvenuto in ritardo sulla prima rata della Tari, senza applicazione di sanzioni e quantomeno interessi di mora.  È un ulteriore passo verso l'ulteriore sviluppo di un rapporto tra istituzioni e contribuenti basato sulla massima collaborazione. In questi anni abbiamo, infatti,costruito un soddisfacente fiducia che non intendiamo far venir meno, specie in periodi di disagio politico, economico e sociale come quello che purtroppo registriamo a livello nazionale. D'altra parte in questi anni,a livello territoriale, le politiche tributarie portate avanti dall'Amministrazione sono state improntate al mantenimento del livello impositivo senza intaccare i servizi indispensabili per i cittadini come, appunto, la raccolta differenziata dei rifiuti che continua a svilupparsi positivamente non solo nel centro storico ma in tutto il territorio comunale di Veroli».