La giornata di giovedì si prospetta come molto difficile per i viaggiatori. È previsto, infatti, uno sciopero dei trasporti sia per i mezzi pubblici locali, sia per il trasporto ferroviario. Saranno a rischio bus, tram, metro e treni.

L'agitazione del 6 luglio non causerà soltanto dei disagi nei servizi pubblici locali, ma le interruzioni riguarderanno anche il trasporto nazionale. Gli scioperi nel settore trasporti sono stati proclamati dai sindacati "Sul", "Usb" e "Faisa Confail". Le notizie, al momento, parlano di una durata di 24 ore per il sindacato Sul e di 4 ore per i sindacati "Usb" e "Confail", ma non è escluso che, a ridosso dello sciopero, possano esserci dei cambiamenti in merito, per i quali vi terremo aggiornati.

Ad ogni modo, sono previste due fasce di garanzia: da inizio servizio e fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20 i servizi dovrebbero funzionare regolarmente. La città maggiormente a rischio è Roma. Nella "Capitale" d'Italia potrebbero verificarsi i maggiori disservizi e disagi. Le astensioni dal lavoro dovrebbero coinvolgere l'intero settore Atac. Disagi anche per quanto concerne i bus periferici gestiti da "Roma Tpl". Nella Regione Lazio, la sigla sindacale Osr Sul-Ct ha indetto uno sciopero di 24 ore del personale Cotral.