Scuole Finocchieto, genitori e docenti del Comprensivo Primo raccolgono fondi per denunciare il Comune e rivolgersi al Giudice. Con una iniziativa che nessuno si sarebbe aspettata, s'è tenuta una riunione e altre ne seguiranno per formalizzare denunce a carico dell'amministrazione comunale, sia dei politici che dell'apparato burocratico. Venerdì pomeriggio docenti e genitori hanno incontrato l'avv. Andrea Sartucci per definire le modalità di intervento e muovere senza indugio i primi passi. L'ipotesi è quella di procedere con: accesso agli atti; denuncia formale di omissione d'atti d'ufficio; ricorso al Tar. In una recente nota era stato stigmatizzato. «È palese che l'Amministrazione Comunale, nonostante la diffida del Comprensivo Primo (rimasta priva di riscontro), non intenda dare seguito alla Delibera – la n. 306 del 20.10.2016 - in cui ha riconosciuto il diritto dell'Istituto medesimo alla restituzione dei locali di San Cesareo, vincolandosi, per l'effetto, a porre in essere quelle risoluzioni all'uopo necessarie. Anzi, l'Assessore ha comunicato ai docenti e ai genitori che il Comune intende invece impegnare dei fondi (come da Consiglio comunale del 30 marzo 2017) per l'ampliamento del plesso di Osteria della Fontana del Comprensivo Primo attraverso unità/strutture mobili. In quali tempi tuttavia, non è dato sapere, nonostante l'avvio del nuovo anno scolastico sia alle porte! Abbiamo chiesto all'Assessore - come del resto riteniamo avrebbe fatto ogni cittadino accorto - come mai si fosse pervenuti ad una determinazione tanto dispendiosa per le tasche dei cittadini pur di non restituire i locali scolastici a chi di spettanza senza affrontare ulteriori costi». Docenti e genitori sono disposti a sacrifici personale anche economici, ma intendono andare a fondo della questione in tempi brevi. Lo spettro di motivazioni politiche affatto nobili sembra aleggiare sulla vicenda, che la delibera 306 sembrava aver chiarito. Tra i malumori interni alla maggioranza, infatti, ci sarebbero quelli del vice sindaco Simona Pampanelli, assessore all'Istruzione, alla quale potrebbe essere addebitata la situazione di Finocchieto quale pretesto per invitarla a farsi da parte.