Spesa per viabilità e trasporti nei Comuni, la prima in Ciociaria è Acquafondata. Bene la situazione generale: ogni realtà ha investito somme anche cospicue nella messa in sicurezza delle proprie strade.

Secondo il blog OpenPolis nel 2014 Acquafondata ha speso 898 euro per ogni residente per migliorare le infrastrutture e questo lo proietta come settimo nel Lazio e 148º in Italia. A primeggiare nella regione è stata Varco Sabino, provincia di Rieti, con 1.445 euro. Il report poi classifica al secondo posto in provincia Giuliano di Roma, 14º nel Lazio, con investimenti pari a 557 euro pro capite. Seguono Filettino, 25º in regione, che ha dedicato al settore 410 euro a cittadino, e subito dopo Gallinaro, con un esborso di 405. Quinto posto in provincia per San Donato Val di Comino, che nel 2014 ha speso 360 euro pro capite.

Buone prestazioni anche quelle di San Biagio Saracinisco e Casalattico, che hanno investito rispettivamente 310 e 304 euro a residente. Chiudono la top ten della Ciociaria Castelnuovo Parano, che ha speso 297 euro per cittadino, Terelle, con 293euro, e Pignataro Interamna, con 287 euro. A seguire ci sono Vallerotonda,che nel 2014 ha destinato 261 euro per residente, Fontana Liri, che ha investito 247 euro a cittadino, e Fontechiari, con 238.

Anche i Comuni più piccoli hanno dimostrato particolare attenzione al tema della sicurezza stradale. Settefrati ha speso 226 euro per residente, mentre Rocca d'Arce 223. A Castrocielo sono stati investiti 207 euro, invece a Viticuso 203. Sia a Pescosolido che a Sant'Ambrogio sul Garigliano le amministrazioni comunali hanno destinato alla voce di bilancio 202 euro per ogni abitante. A Piglio, invece, sono stati spesi 199 euro. Settantottesima nel Lazio, Serrone ha dedicato al tema 193 euro per residente. Al contempo Arnara e San Vittore nel Lazio ne hanno investito rispettivamente 190 e 189. A Villa Latina sono stati spesi 186 euro pro capite, mentre a Monte San Giovanni Campano e Strangolagalli le amministrazioni hanno elargito rispettivamente 181 e 180 euro.

Proseguendo nella classifica, troviamo Trevi nel Lazio con un investimento pari a 165 euro per residenti, Sant'Andrea sul Garigliano con 164 euro e Vico nel Lazio con 163. Casalvieri nel 2014, invece, ha investito 159 euro. Centesimo posto a livello regionale per Arpino, che ha destinato alla voce di bilancio 154 euro, come anche Acuto. Al contempo, Villa Santa Lucia ha speso 149 euro per abitante, mentre Atina 148. A Coreno Ausonio sono stati impiegati 145 euro pro capite, a Colfelice 143, mentre a Posta Fibreno 141. Torrice e Picinisco nel 2014 hanno speso 137 euro in materia di sicurezza stradale, mentre Ripi 136.

Ad Esperia l'investimento è stato pari a 134 euro, ad Ausonia 133, a Ceprano 131, a Castro dei Volsci, in- vece, 130. Nel bilancio di San Giorgio a Liri gli amministratori hanno scelto di destinare 129 euro al settore, mentre a Sant'Elia Fiumerapido 123 e a Supino 122. Castelliri ha speso per ogni cittadino 120 euro, Collepardo invece 119, come anche Vicalvi. Sant'Apollinare e Alvito hanno investito 116 euro per ogni abitante, mentre Pastena 115. Fiuggi nel 2014ha speso per le proprie arterie stradali 114 euro, mentre Frosinone 111.

A Pontecorvo l'amministrazione ha investito 110 euro e a Santopadre invece 109. Sgurgola e Falvaterra hanno elargito 107 euro a residente per il settore. Ceccano, invece, ne ha spesi 104. Amaseno ha investito sull'argomento 97 euro pro capite, mentre Isola del Liri e Paliano 94. Colle San Magno, nel 2014, ha speso per le strade 92 euro a residente,invece,Vallecorsa 87 e Fumone 86. A Sora la scelta è stata di 85 euro per abitante, ad Arce, invece, 80, a Ferentino e Morolo 79, come anche a Cervaro.

Patrica ha speso per le proprie strade 75 euro, Villa Santo Stefano 73, Campoli Appennino 69 e Torre Cajetani 68. Aquino e Pico hanno investito 66 euro per ogni residente, Boville Ernica 64 e Pofi 61. Belmonte Castello ha optato per 59 euro a residente, mentre Alatri 55 e Cassino 53. Guarcino, Piedimonte San Germano, Anagni hanno dedicato al tema 51 euro per cittadino. Infine, Veroli ha speso 45 euro, Trivigliano 43 e Broccostella 33.