«Nel giro tra le imprese che sto facendo in questi mesi, molto spesso ho trovato donne ai posti di comando. Penso a Maria Carla Bonollo della Distilleria Bonollo ad Anagni, a Gabriella Scuderi, della Sartoria Scuderi a Vetralla, da ultimo Fulvia Chinzari che ad Antrodoco insieme alle figlie sta rilanciando l'Amaro Chinzari, fondato dalla sua famiglia nel 1937. Sono esempi delle tante imprenditrici che ho incontrato e che mi hanno colpito per determinazione, forza e per stile di management». Lo afferma l'assessore allo Sviluppo economico della Regione Lazio Giampaolo Manzella, che annuncia il sostegno della Regione medesima all'imprenditoria femminile.

«Incontri che mi hanno convinto ancora di più che le "donne d'impresa" sono un patrimonio che va aiutato, per far crescere la nostra Regione. Nel Lazio le imprese femminili sono 145.156 - il 22% del totale regionale - e siamo la seconda regione italiana dopo la Lombardia per numero di imprese rosa. Sono numeri che puntiamo a migliorare e per questo da anni investiamo in questo ambito. Con il bando "Innovazione sostantivo femminile", continuiamo in questa azione sostenendo le imprese al femminile in un aspetto cruciale come i processi di innovazione.

Quello che esce in questi giorni è, infatti, un bando da 1 milione di euro di risorse europee che aiuterà con contributi sino a 40.000 euro di investimenti in nuove tecnologie e soluzioni digitali - come macchine a controllo numerico, realtà aumentata, stampa 3D - per favorire trasformazioni nei processi produttivi e nell'organizzazione aziendale. Sono convinto aiuterà le donne che vogliono avviare un'attività imprenditoriale e quelle che già guidano un'impresa ad essere sempre più competitive e l'economia del Lazio ad essere ancora più plurale, aperta, moderna».

Gian Paolo Manzella, assessore allo Sviluppo economico della Regione Lazio, ha presentato in questo modo la pubblicazione dell'Avviso pubblico "Innovazione sostantivo femminile", che promuove e valorizza il capitale umano femminile sostenendo la creazione e lo sviluppo di micro, piccole e medie imprese.