Ben 1.904 unità di nuovo personale, in parte già reclutate e in parte in via di integrazione nell'organico delle Asl regionali, grazie alle procedure avviate soltanto nei primi mesi del 2019.
Ad annunciarlo è l'assessore alla sanità, Alessio D'Amato.

Delle 1.904 unità, ben 702 derivano dalla mobilità nazionale: si tratta di medici ed infermieri che a causa del blocco del turn over erano andati in altre regioni e ora possono tornare nel Lazio. I restanti 996 saranno assunti tramite procedure concorsuali.

Nello specifico si tratta di 851 unità tra medici e sanitari e di 1.053 unità del comparto. «Stiamo facendo fatti e non parole -ha aggiunto l'assessore D'Amato- mettendo in campo uno sforzo straordinario per implementare gli organici e garantire l'assistenza sanitaria del territorio. Nel Lazio si è aperta una grande stagione caratterizzata da concorsi, stabilizzazioni e grandi investimenti infrastrutturali».