Un accordo da 375 milioni di euro con la Cassa depositi e prestiti per garantire liquidità immediata alle imprese. E' questa l'ultima iniziativa della Regione Lazio per dare sostegno alle piccole e medie imprese. La presentazione dell'intesa è avvenuta oggi con una video conferenza stampa a cui hanno preso parte il presidente Nicola Zingaretti, , il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, gli assessori regionali al Bilancio, Alessandra Sartore e allo Sviluppo Economico, Paolo Orneli.

"Grazie agli imprenditori, ai commercianti e agli artigiani che in questi giorni stanno alzando le serrande dimostrando un grande coraggio e vorrei arrivasse loro un segnale: non devono sentirsi e non sono soli - ha detto Zingaretti - Nel Lazio sono 42 mila le richieste pervenute dalle Pmi per ottenere liquidità. Con l'intesa siglata con Cdp soddisferemo tutte le domande. Nessuno sarà lasciato indietro. Si tratta di una operazione imponente dal punto di vista finanziario".

Il Presidente Zingaretti ha parlato anche di Cassa integrazione e di Inps. "Ad oggi sono 72.039 i lavoratori a cui Inps ha pagato la cassa integrazione. Stiamo chiedendo all'istituto di fare il possibile per accelerare le pratiche".

Tornando alla liquidità per le imprese, Zingaretti ha sottolineato come "sarà anche importante che i consumatori tornino a comprare. Non possiamo permetterci una eccessiva contrazione dei consumi. In sicurezza, ma dobbiamo consumare". E in questo senso il Governatore ha anche invitato a non criminalizzare i giovani: "Non sono gli untori di questo tempo. Sono le principali vittime di questo periodo. Hanno iniziato a pagare dal punto di vista della formazione, pagano sul lavoro, pagheranno sul debito pubblico. Si', serve da parte loro, come di tutti, responsabilità nei comportamenti, ma non bisogna criminalizzarli: investiamo su di loro perché è giusto- conclude Zingaretti- e perché dobbiamo combattere per il futuro dei ragazzi e delle ragazze, non sono un problema, ma risorse immense della rinascita italiana".