Ceprano è il primo comune della provincia di Frosinone ad aver ottenuto il finanziamento sulle comunità giovanili. Su 64 domande presentate, solo 21 sono state accolte e Ceprano ha ottenuto il quarto posto in graduatoria, il primo tra i comuni ciociari. “Fregellae Lab” è il progetto finanziato per un importo di 25.000 euro e punta alla promozione delle attività a sostegno del mondo giovanile. Abbiamo intervistato l’assessore alle politiche giovanili Elisa Guerriero per conoscere i dettagli del progetto.

Che cosa assicura ai giovani “Fregellae Lab”?
«Il progetto consentirà ai ragazzi che vi partecipano da un lato di incrementare la conoscenza del loro territorio, dall’altro di imparare un lavoro».

Come è nata l’idea?
«Dall’osservazione del nostro paese, dalle reali possibilità che potevamo mettere in pratica e dalle ricchezze che vantiamo. Creeremo un vero e proprio laboratorio moderno di idee che, partendo dalla conoscenza del territorio, sviluppi nuove reti giovanili».

Su cosa è incentrato il progetto?
«Sulla storia locale e avrà come obiettivo la costituzione di un gruppo di ragazzi leader che, previa un’adeguata formazione, potranno svolgere le attività culturali con consapevolezza. A loro sarà affidata l’azione di traino nei confronti della comunità giovanile per favorire la divulgazione della storia locale e la diffusione delle tradizioni».

Dunque un'opportunità per i giovani.
«Spesso, e lo dico con molta amarezza, le attività vengono distorte e “chiacchierate” solo dalla tastiera: io vorrei che i giovani (dai 15 ai 35 anni) dimostrassero, anche attraverso un’opportunità come questa, le loro potenzialità. Siamo orgogliosi di questo importante risultato, è uno dei tasselli che va ad implementare il lavoro che stiamo portando avanti sulle politiche giovanili. Un lavoro a volte strumentalizzato dagli oppositori a fini politici, ma sono felice di poter smontare queste polemiche con i fatti perché se vogliamo davvero supportare i giovani dobbiamo lavorare per creare opportunità per loro e questo è quello che stiamo facendo con costanza e serietà. Ad altri lasciamo le inutili e sterili polemiche che puntano solo a tenere a galla chi per i giovani non ha fatto nulla in termini di ambiente, lavoro e tempo libero».