Mille tessere in più rispetto alla scorso anno e quota 4.000 superata. Si è chiusa con questi numeri la fase del tesseramento del Partito Democratico provinciale, che ad oggi può contare su 4.100 iscritti. Lo scorso anno erano 3.058. Le tessere sottoscritte on line sono state 328.

Difficile adesso stabilire le quote di rappresentanza delle singole aree di riferimento: in ogni caso Pensare Democratico (Francesco De Angelis, Mauro Buschini, Sara Battisti) dovrebbe essere intorno al 65%, mentre Base Riformista di Antonio Pompeo e la componente di Simone Costanzo dovrebbero attestarsi intorno al 30%. Ci sono anche le aree di Alessandra Maggiani (che si riconosce da sempre nelle posizioni di Gianni Cuperlo) e di Giuseppina Bonaviri.

A questo punto i riflettori sono accesi sulla riunione della componente di Antonio Pompeo, chiamata a decidere il da farsi. Per ora l'unica candidatura alla segreteria provinciale è quella di Luca Fantini, responsabile regionale dei Giovani Democratici. Pompeo e Costanzo dovranno decidere se mettere in campo un proprio candidato e una lista di area. La sensazione però è che alla fine possa prevalere un'impostazione unitaria. Francesco De Angelis ha già detto che Pensare Democratico non presenterà né un candidato di bandiera né una lista. Perché l'obiettivo è quello di superare l'impostazione correntizia del congresso.