Una premialità per i Comuni in piano di rientro. «Ma non indiscriminata e a pioggia, come accade spesso in Italia, ma solo per quelle Amministrazioni che, pur dovendo fronteggiare questo fardello, che pesa come un macigno sulle casse comunali, riescono ad essere comunque virtuose, ad esempio senza inasprire la tassazione, essere puntuali nei pagamenti o assicurare comunque i servizi a domanda individuale ai cittadini».

È la richiesta che Danilo Magliocchetti, consigliere comunale di Cambiamo e delegato al consiglio nazionale Anci, ha avanzato ad Antonio Decaro, presidente dell'Associazione nazionale dei Comuni italiani. Rileva Magliocchetti: «Proprio quello che accade a Frosinone, ma anche in altre Amministrazioni altrettanto virtuose. Si tratterebbe di un meccanismo, penso a maggiori trasferimenti statali, quindi un vero e proprio fondo di liquidità finanziaria per questi Comuni. O forme di cofinanziamento nella contrazione di mutui, o all'allungamento del piano di rientro, che consentirebbe a questi Comuni di avere maggiore respiro finanziario e destinare ulteriori risorse ai servizi».

Sottolinea Magliocchetti: «Giova ricordare che sono molti i Comuni in grave situazione finanziara come Roma, Napoli, Messina e Reggio Calabria, o in pre dissesto come Catania, Caserta, Benevento e Terni. Se si è pensato a dei provvedimenti ad hoc per importati realtà, come Roma e Napoli, perché non pensare anche ad altri Comuni, per di più alcuni capoluogo?».