Prime scaramucce durante le elezioni comunali di Cassino. Per garantire la segretezza del voto, dal 2008 vige il divieto di introdurre nelle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini. Il presidente di seggio è pertanto tenuto ad invitare l'elettore a depositare le predette apparecchiature prima di entrare nella cabina elettorale. Ma a quanto si evince in quasi nessun seggio gli elettori vengano invitati a depositare il telefonino. Pertanto l'ex presidente del Consiglio Francesco Carlino dai social esorta: "Appello a tutti i candidati seri, chiedete ai presidenti di seggio di far lasciare i telefonini fuori dalla cabina elettorale". Si ricorda che chiunque contravvenga alla norma puó essere punito con l'ammenda da 300 a 1.000 euro e con l'arresto da 3 a 6 mesi. Per quel che riguarda l'affluenza, tre anni fa alle 12 avevano votato 7.314 persone pari a circa il 23%, piú o meno in linea con quella odierna che alle 12 superava di poco il 24%