"La campagna elettorale ha perso un uomo perbene". Claudio Lena, new entry nella competizione e a capo di liste civiche formate da cittadini, professionisti e imprenditori, è quasi rammaricato per l'uscita di scena di Peppino Petrarcone.
"Ieri mattina l'ho incontrato davanti a piazza Labriola ed è salito in macchina con me, l'ho accompagnato dalla cugina, abbiamo fatto una chiacchierata ma nulla mi lasciava immaginare che avrebbe abbandonato di lì a poche ore la campagna elettorale.

Che dire? Tutti hanno avuto un sobbalzo a vederci insieme. Ma stavamo parlando proprio di questo, di una campagna elettorale basata sulla signorilità e sul fair play. Ecco perché la notizia mi ha colto di sorpresa". Con Peppino c'è sempre stata un'amicizia dai tempi della scuola. "Io frequentavo una classe in più ma siamo cresciuti insieme e poi abitavamo a poche centinai di metri di distanza".

Riflessioni da neo candidato a sindaco e riflessioni urbane. Tanti sono rimasti storditi dalla notizia del ritiro improvviso di Peppino Petrarcone che, all'ultimo ballottaggio con Carlo Maria, ha ottenuto la metà esatta dei voti, meno quella manciata di preferenze che ne hanno decretato la sconfitta. Ora non resta che assistere alle solite sceneggiate in casa Pd che, al pari del centrodestra, navigano a vista su candidati, programmi e liste.