Otto mesi da vicesindaco ed assessore con l'amministrazione Como-bis, Maurizio Fadioni ha tracciato un bilancio di questa sua seconda esperienza nel palazzo di via Umberto I, a partire dall'elezione del 10 giugno.

Come descriveresti questa nuova esperienza?
«Come sempre si ricomincia da una attenta attività di monitoraggio dello stato delle cose, per cercare di misurare il tutto e verificare gli spazi di miglioramento con un'attività continuativa di concerto con gli altri amministratori e con i dipendenti del comune. Per prima cosa da assessore all'ambiente mi sono messo a disposizione, come supporto, per completare l'attività di gestione della raccolta differenziata, iniziata già dalla precedente giunta e prossima ad essere in dirittura d'arrivo, con un sistema che ci porterà a raggiungere l'obiettivo minimo che ci siamo dati in campagna elettorale:l'80%. A proposito di questo vorrei concedermi uno sfogo personale: non riesco a capire perché mai siamo diventati così incivili da non riuscire a gestire i nostri rifiuti in maniera educata e legale, ritrovandoci una serie di minidiscariche accanto ad ogni cassonetto di periferia? Questo mi preoccupa davvero. Chi dovrebbe interessarsi del futuro del nostro territorio se non siamo noi cittadini i primi?"

Dieci giugno, pronti e via, ti sei addentrato immediatamente nelle attività del tuo ufficio?
«Ovviamente mi sono messo a completa disposizione durante l'estate dell'organizzazione di I love Bufala e di tutti gli eventi dell'estate Amasenese, perché resta ferma in me la convinzione che , il turismo che anche da questi eventi è stimolato, possa essere un grande volano per l'economia del territorio.

Mentre per i prossimi mesi cosa ci aspetta?
«Innanzitutto insieme all'ufficio di polizia locale stiamo effettuando un monitoraggio degli eventi che comportano l'attività di commercio su aree pubbliche, a partire dal mercato settimanale per rendere il tutto più efficiente e sicuro, con lo stesso ufficio abbiamo attivato anche le procedure per la gestione informatica del Suap con la Camera di commercio. Con il sindaco stiamo costituendo un gruppo di lavoro per studiare ipotesi di sviluppo territoriale integrato. L'idea è quella di creare un distretto di eccellenze agroalimentari riconosciute e dare dei master di sviluppo alle attività locali. Inoltre tutte le attività svolte nell'ambito del comune sono fatte di concerto tra gli amministratori: ognuno da il proprio supporto secondo le proprie disponibilità di tempo e competenze, perché questa è un'amministrazione per Amaseno».