Una giornata in cerca di un vigile. Ma degli agenti della polizia locale, neppure l'ombra. Eppure gli uomini al servizio dell'assessore Dell'Omo dovrebbero vigilara sulla sosta a pagamento da quando, a metà novembre, è stata introdotto il parcheggio a pagamento con i grattini. Un sistema che ha funzionato fin quando c'erano gli stagionali: ovvero fino al 31 dicembre. Poi dei controlli neanche l'ombra. Va avanti così da oltre un mese: quasi più nessuno acquista i grattini perchè tanto le multe sono pressochè nulle non essendoci i vigili a afre i controlli. Il consigliere del Pd Enzo Salera ha voluto fare una prova: ha parcheggiato la sua macchina in pieno centro nel primo pomeriggio. Ha fatto il ticket, ma non era ben esposto sul cruscotto. Il vigile, quindi, avrebbe dovuto provvedere a fare la multa. Già, ma quale vigile? Nessuno. In un'ora nessun vigile ha attraversato la centralissima piazza Diamare all'incrocio tra viale Dante e Corso della Repubblica.
Il consigliere si è quindi recato nelle altre strade per cercare i vigili: neanche l'ombra. Quindi è andato in Comune: e niente, neanche quì c'era traccia. Il gabiotto all'ingresso era chiuso e nel comando della Polizia locale appena due agenti che si stavano recando in Tribunale per altri servizi.

Ma quello di Salera non è stato un caso isolato. Durante l'ora in cui la sua macchina era parcheggiata, ha provveduto a fare una passeggiata lungo il centro ed ha potuto vedere che poche erano le macchine che esponevano i grattini sulle strisce blu, e le multe erano pari a zero. «Abbiamo fatto delle stime - spiega l'ex assessore al bilancio - e il Comune senza gli incassi della sosta a pagamento e delle multe, rischia di perdere circa 50.000 euro al mese. Noi avevamo chiesto in una interrogazione consiliare a dicembre del 2016 di avviare le procedure per l'espletamento della gara in modo da non far interrompere il servizio. Adesso invece il danno è doppio: sia perchè il Comune perde circa mezzo milione di euro l'anno e sia perchè ci sono 35 ausiliari del traffico che hanno perso il posto di lavoro. Con questo esperimento abbiamo voluto dimostrare come i controlli siano inesistenti visto che i vigili si sono ridotti e questa amministrazione nel 2017 si è fatta bocciare il piano assunzionale. Un disastro totale».