Dopo la presa di posizione a firma del primo cittadino, l'amministrazione comunale ha contattato la società "Tre Esse Italia srl" per invitarla alla verifica di tutte le posizioni concernenti i privati e attività commerciali, sia per i passi carrabili che per la pubblicità. Insomma, il caso-Cosap è più vivo che mai e restano in piedi tutte le perplessità (e le critiche) della minoranza e dei cittadini, molti dei quali si stanno rivolgendo a dei legali per capire se e quanto devono pagare.

A livello politico, i consiglieri Enrico Pavia e Tarcisio Tarquini hanno presentato un'interrogazione finalizzata a conoscere «Quali urgenti provvedimenti s'intendano assumere per verificare la fondatezza delle ingiunzioni evitando che i contribuenti si gravino dei rilevanti oneri dell'eventuale contenzioso; se non s'intenda disporre una riorganizzazione dell'ufficio tributi in modo tale che esso costituisca il punto di riferimento al quale rivolgersi".

Il sindaco Morini e l'assessore Fontana hanno dato pronta risposta, condividendo lo spirito dell'interrogazione e allegando il testo della missiva citata sopra e spedita alla "Tre Esse Italia srl".
Pavia e Tarquini si sono detti, però, soddisfatti a metà: «Niente, invece, è scritto su come il comune intenda riorganizzarsi per aiutare direttamente i contribuenti a venir fuori dal ginepraio delle contestazioni, che rischiano di essere la beffa che segue il danno».

Iannarilli e Borrelli
L'argomento Cosap è stato ripreso anche dai consiglieri Iannarilli e Borrelli. Il primo è stato caustico: «La maggioranza ha promesso a suo tempo che gli uffici comunali avrebbero gestito i tributi per non vessare i cittadini. Invece, hanno appaltato il servizio, con costi più alti, generando confusione nelle cartelle e gravissimi disagi per cittadini che, adesso, si trovano con le spalle al muro». Il secondo ha organizzato per il tardo pomeriggio di oggi (biblioteca comunale, ore 19) un incontro con i commercianti che hanno ricevuto le ingiunzioni di pagamento per i tributi su pubblicità e insegne:«Spiegheremo cosa prevede il regolamento comunale vigente e controlleremo insieme se le richieste pervenute siano corrette. Raccomando la massima partecipazione».