Non è più ai domiciliari l'ex vicepresidente del consiglio regionale del Lazio, Adriano Palozzi, arrestato nell'ambito dell'inchiesta sullo stadio della Roma: accogliendo un'istanza presentata dal suo avvocato Francesco Scacchi, il giudice ha disposto l'obbligo di firma nei confronti dell'ex consigliere regionale di Forza Italia.

«Più forti di tutto! Più forti di prima e a testa alta! Vi abbraccio forte!!!», ha scritto ieri in un tweet Palozzi postando un'immagine con una scritta: «A volte nella vita tutto fila liscio e a volte accadono imprevisti, l'importante è saper reagire trasformando i problemi in opportunità».

Adriano Palozzi, in seguito all'arresto, fu sospeso dal consiglio regionale del Lazio, in applicazione di quanto previsto dalla legge in materia. Al suo posto subentrò Roberta Angelilli.
Ora, con la cancellazione della misura restrittiva, Palozzi può chiedere il reintegro nel ruolo di consigliere regionale.