Strade dell'area industriale: il Cda dell'Asi dà via libera al progetto esecutivo per gli interventi di manutenzione straordinaria. Soddisfatta così una richiesta degli imprenditori che da tempo chiedevano una svolta. Ed è arrivata. Il progetto riguarderà il collegamento tra la strada provinciale Morolense e la strada comunale in località Paduni-Selciatella, nel comune di Anagni.

Un risultato di notevole portata, al quale il presidente De Angelis ha profuso un costante impegno, perché consapevole della necessità impellente di attivare questi interventi, così come i sindacati, le organizzazioni datoriali, i soci dell'Asi e la Camera di commercio, con i quali da subito c'è stata la massima sinergia. Sinergia, che ha portato ad organizzare diversi incontri con l'assessore regionale allo Sviluppo economico Manzella, al quale è stata manifestata l'opportunità di rifinanziare la legge 46 per consentire di operare sulle infrastrutture presenti negli agglomerati industriali di Frosinone e Cassino, al fine di salvare le prospettive di sviluppo del nostro territorio e dare maggiore forza alle piccole e medie imprese.

Il commento di De Angelis
«Il lavoro di squadra – commenta il presidente De Angelis – ci ha portato esattamente dove volevamo arrivare. Finalmente possiamo intervenire per risolvere un problema che penalizza da anni le imprese e il territorio. Per questo risultato, ringrazio per l'impegno, per il sostegno e per la condivisione degli obiettivi le forze sociali, economiche e produttive, il comune di Anagni e il consiglio di amministrazione dell'ente». «Ora – aggiunge il direttore dell'Asi Ferracci - invieremo il progetto alla Regione e la relativa richiesta del finanziamento. Speriamo di fare presto e di poter iniziare i lavori i primi mesi del 2019».

Soddisfatta la Federlazio
«Siamo molto soddisfatti della delibera con la quale l'Asi ha approvato il progetto esecutivo per il rifacimento di una delle strade più degradate dell'area industriale di Anagni», è quanto dichiara il presidente reggente della Federlazio Emanuele Di Gennaro. «Noi abbiamo molte imprese – prosegue Di Gennaro – che insistono su quell'area e che quotidianamente, e da molti anni, ci rappresenta il loro disagio per lo stato fatiscente e le condizioni di pericolosità di alcune strade della zona.

Ora, con l'approvazione del progetto esecutivo e grazie al rifinanziamento della Legge 46 che l'Asi, insieme al Cosilam, alla CCIAA e alle associazioni imprenditoriali e sindacali sono riusciti ad ottenere dalla Regione Lazio, sarà possibile mettere mano al rifacimento di questa importante infrastruttura stradale, assurta nel corso degli anni a paradigma del degrado delle aree industriali. Il nostro auspicio – conclude il presidente della Federlazio – è che questo atto diventi simbolicamente l'inizio di una maggiore e più puntuale attenzione da parte delle istituzioni verso le problematiche dell'habitat industriale e le condizioni difficili nelle quali è costretto ad operare il nostro sistema produttivo».