«Non ne so nulla». Con queste parole, non più tardi di una settimana fa, ovvero sabato 20 ottobre, il sindaco D'Alessandro liquidava l'indiscrezione secondo cui Cassino potesse ospitare una tappa del Giro d'Italia 2019. E invece il primo cittadino stava lavorando a fari spenti. Probabilmente per non dare false speranze a una città che inizierà il 2019 con l'incubo del dissesto.
Dopo una estenuante trattativa, ieri mattina è quindi giunta l'ufficialità: la città di Cassino è tra le tappe del prossimo Giro d'Italia.La data della tappa che coinvolgerà la città di Cassino sarà resa nota il prossimo 31 ottobre data in cui si svolgerà, presso il centro di produzione Tv Rai di Via Mecenate a Milano la presentazione ufficiale del 102^ Giro d'Italia. All'evento propedeutico alla presentazione della corsa rosa parteciperanno il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D'Alessandro e il consigliere comunale delegato allo Sport, Carmine Di Mambro.
Le due date in ballo sono quelle del 16 o del 18 maggio.

Quel che è certo è che, a differenza di 5 anni fa quando la tappa arrivò a Montecassino, quest'anno sarà maggiormente vissuta dalla città con la partenza dal centro, il villaggio rosa e una ricaduta economica non indifferente: sono difatti migliaia le persone che alloggeranno nelle strutture alberghiere della città.
"Non è stato facile mettere tutti i tasselli al loro posto, ma ora che abbiamo ricevuto la conferma ufficiale, siamo doppiamente felici: un grande risultato -ha detto il sindaco D'Alessandro- frutto, come nella migliore tradizione sportiva, di un grande lavoro di squadra. Ringrazio, pertanto, Mauro Vegni, direttore organizzativo del Giro, il consigliere con delega allo Sport Carmine Di Mambro per l'impegno di questi mesi, Antoine Tortolano e tutta l'amministrazione comunale per aver sostenuto e supportato questa nostra iniziativa."

«Questo è un grandissimo risultato per la nostra amministrazione. -ha detto Carmine Di Mambro- Il giro d'Italia è una delle corse ciclistiche più seguite nella nostra nazione, in Europa e nel mondo. Un fenomeno sportivo intercontinentale insieme al tourde France. Stiamo parlando quindi di una vetrina di eccellenza per la nostra città ma per tutta la provincia di Frosinone.
Per tutto ciò che c'è di bello e di valore sul territorio. Questo grandissimo evento non potrà che far bene a Cassino e segnare una tappa importante, o meglio fondamentale verso il rilancio economico e sociale»