«L'approvazione della legge Meloni è una grande vittoria per Fratelli d'Italia. L'installazione di appositi dispositivi acustici e luminosi in grado di rilevare la presenza di un bambino in macchina, impedirà altre tragedie purtroppo ben note alla cronaca». Lo afferma il senatore Massimo Ruspandini (Fratelli d'Italia). Continua: «Negli ultimi anni troppi tragici eventi hanno occupato le pagine dei giornali e sconvolto l'opinione pubblica. Con il via libera a questo provvedimento, simili drammi non si verificheranno più».

Il disegno di legge che prevede l'obbligo di installare dispositivi di sicurezza per evitare l'abbandono dei bambini in auto è stato approvato praticamente all'unanimità. Rileva Ruspandini: «Noi siamo in prima linea sul tema della sicurezza stradale e con l'approvazione della legge Meloni l'Italia è all'avanguardia: è la prima nazione a prevedere un simile dispositivo. Tutelare bambini innocenti e i loro genitori stressati dai ritmi incalzanti della società odierna era tra le nostre priorità e siamo orgogliosi di aver raggiunto questo importantissimo risultato».
Rileva ancora Massimo Ruspandini: «Spesso chi dimentica il proprio figlio in auto è vittima di una società che oggi pretende troppo da tutti. Non sempre si tratta di genitori negligenti. È questione di pochi attimi, un blackout inspiegabile che risulta fatale».

L'aula del Senato ha approvato definitivamente, con 261 voti a favore, un'astensione e nessun voto contrario il disegno di legge per prevenire l'abbandono in auto dei bambini piccoli, fino a quattro anni. Dal 1 luglio del 2019 le auto che trasportano bambini di età fino a 4 anni dovranno essere equipaggiate con un dispositivo elettronico che avvisa della presenza dei passeggeri più piccoli. Il provvedimento si compone di quattro articoli e modifica l'articolo 172 del codice della strada.