Uno stato di assoluto degrado e abbandono quello in cui versano le sponde del fiume Liri. A denunciare lo stato di incuria è il consigliere comunale di minoranza Angela Tribini che parla della poca cura riservata a tutto il territorio cittadino e, in particolare, all'area del rione Pastine.

Ed è proprio l'esponente della minoranza a ripercorrere quanto accaduto nel corso degli ultimi mesi quando, a giugno, aveva denunciato pubblicamente il problema chiedendo che si intervenisse immediatamente. «Qualche mese fa ho sollecitato il sindaco Rotondo e l'assessore competente a mettere in atto un'azione di pulizia delle sponde del fiume Liri ridotte in uno stato di totale degrado -ha affermato il consigliere Tribini- In quel caso il sindaco bollò la mia richiesta affermando che non mi ero debitamente informata avendo inviata una diffida alla società regionale competente e che se entro dieci giorni dall'invio non fossero arrivate risposte dall'Ardis avrebbe fatto pulire la zona addebitando le spese alla Regione. È passata l'estate, sono passati i tempi tecnici della diffida, ma la situazione di degrado è solo peggiorata».

La vegetazione ha ricoperto parte della ringhiera invadendo anche il marciapiede che si trova nella zona generando anche forti polemiche da parte dei residenti.
«È un degrado assoluto -aggiunge l'esponente dell'opposizione- Passare e vedere le sponde del fiume Liri così ridotte e la vegetazione che ha ormai invaso i marciapiedi è una vergogna. È opportuna un'immediata pulizia. Ma soprattutto credo sia necessario riportare il decoro, una città pulita, bella e non assistere a una vegetazione incolta e situazioni di degrado ovunque. Il rione Pastine versa in uno stato di abbandono totale».

Il consigliere Angela Tribini lancia un appello all'amministrazione e al sindaco Rotondo: «I giorni sono trascorsi e invito a prendere i provvedimenti quanto prima per ridare decoro del territorio. Spero in una risoluzione in tempi celeri il problema e facciamo tornare la nostra città bella, pulita e viva».