Il bilancio di previsione all'esame del Consiglio comunale: mercoledì 29 marzo è convocata, a partire dalle ore 9:30 di mattina, l'assise in cui verrà illustrato nel dettaglio il documento contabile. Poi, grazie alla proroga concessa (il termine ultimo era il 31 marzo), il 20 aprile ci sarà il Consiglio chiamato ad approvare il previsionale. L'altroieri si è riunita la commissione bilancio chiamata a mettere appunto gli ultimi dettagli al primo bilancio targato D'Alessandro e al quale ha lavorato alacremente il neo assessore Ulderico Schimperna, dopo le dimissioni, a gennaio, di Caterina Di Giorgio. Non poche le novità: anzitutto, come ha dichiarato D'Alessandro dal primo giorno in cui è entrato in possesso delle carte, l'assise dovrà prendere atto del fatto che il Comune è in fase di pre dissesto: si prova ad evitare il crack ma non è esclusa l'ipotesi del dissesto finanziario vero e proprio che comunque la governance cerca di evitare perchè sarebbe una vera e propria iattura. Certamente ci sarà un taglio ad alcune utenze telefoniche e una razionalizzazione delle spese per quel che riguarda l'energia elettrica e le auto blu.

Per quel che riguarda le tariffe, invece, l'unica che dovrebbe subire modifiche al rialzo per i cittadini – sebbene il documento contabile non è ancora ufficiale – è quella che riguarda i rifiuti: gli aumenti in bolletta potrebbero essere di circa il 5%, secondo quanto trapela, ma ciò è dovuto al fatto che da quest'anno parte il nuovo servizio di raccolta differenziata, che sarà gestito sempre dalla De Vizia, ma che prevede molti servizi in più per le utenze: tra le altre cose sarà infatti potenziata la raccolta dell'umido (tre giorni a settimana) e ampliate le zone dello spazzamento. La spending review attuata da D'Alessandro riguarderà anche spese che all'apparenza sembrano sciocchezze ma che a fine anno pesano sul conto dell'ente, quali, ad esempio, le fotocopie: si potrà stampare solo in bianco e nero e possibilmente fronte e retro: "Si tratta di un provvedimento che ho adottato quando ero dipendente dello Stato in forma amministrativa, non vedo perchè non dovrei farlo adesso", argomenta il primo cittadino.

E sempre D'Alessandro conferma che prima del Consiglio di mercoledì saranno affidate le deleghe: a Franchitto andrà quella allo Sportello Europa, mentre poi saranno affidate almeno altre due deleghe – commercio e sport – che oggi gestisce direttamente il sindaco e non c'è un preciso assessorato dI riferimento: tra lunedì e martedì saranno ufficialmente assegnate, probabilmente ce ne sarà anche una quarta ai gemellaggi.