La bufera sugli incarichi dirigenziali sbarca in Consiglio e in aula il clima politico di inizio settimana prossima fa prevedere temperature bollenti. Microfoni aperti lunedì prossimo, alle 17.30: tra i quattro i punti all'ordine del giorno la questione che ha sollevato un vespaio di critiche e portato persino i carabinieri a fare accertamenti a seguito di un esposto.

Il sindaco Roberto De Donatis dovrà rispondere all'interpellanza presentata dai consiglieri di opposizione Luca Di Stefano, Maria Paola D'Orazio, Valter ed Ernesto Tersigni, relativa ai decreti di conferimento degli incarichi dirigenziali delle aree finanziaria e condono e vigilanza.

«Ho chiesto al primo cittadino - ha detto l'ex sindaco, Ernesto Tersigni - delucidazioni in merito al decreto sindacale inerente la sostituzione dei dirigenti in caso di assenza. Eludendo la norma e precisamente quanto imposto dall'art. 27 del vigente Regolamento degli Uffici e dei Servizi del Comune di Sora, De Donatis, dovendo sostituire l'unico dirigente di ruolo, in ferie obbligate per prossimo pensionamento, ha accentrato illegittimamente un potere infinito nelle mani delle restanti figure apicali, scelte anche queste con procedure contra legem. Al sindaco De Donatis, che solo dopo quasi sei anni ha avuto da ridire sulle nomine dirigenziali attribuite dalla mia amministrazione, - aveva già sottolineato Tersigni - rispondo che sono tranquillo del mio operato».

Sugli altri tre punti, invece, maggioranza e opposizione saranno chiamate ad approvare la convenzione per la gestione in forma associata della procedura ad evidenza pubblica per l'affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale. Ambito Territoriale ATEM FR2-Est; a votare la permuta della proprietà di un alloggio Ater tra Regione Lazio e Comune e ad approvare la rimodulazione del programma di interventi relativi ai contratti di quartiere.