Ormai è ufficiale: il Lazio andrà al voto il 12 febbraio prossimo per il rinnovo del presidente e del Consiglio regionale. Il presidente dell'assemblea della Pisana, Marco Vincenzi, in conformità a quanto previsto dallo statuto regionale, ha, infatti, espresso parere favorevole alla decisione del presidente Daniele Leodori di stabilire il 12 febbraio 2023 come data del voto per il rinnovo del presidente e del Consiglio regionale del Lazio. A comunicarlo nella giornata di ieri è stato lo stesso Vincenzi. Parte, quindi, ufficialmente la corsa alla successione.

Le dimissioni del presidente Nicola Zingaretti, con successivo scioglimento del consiglio decretato sabato 12 novembre, avevano fatto partire il countdown per il voto. In base alla normativa, infatti, devono passare 90 giorni tra la fine dell'incarico del presidente, sostituito dal suo vice, in questo caso Daniele Leodori, fino a nuove elezioni. Inizialmente l'intenzione sembrava quella di spalmare il voto sulle due giornate di sabato e domenica, ma la normativa nazionale lo impedisce. Quindi il voto sarà nell'unica giornata di domenica 12 febbraio.

Come è facilmente immaginabile, la campagna vivrà una prima fase tra la seconda settimana di dicembre e qualche giorno prima di Natale, ma sarà inevitabilmente soft dato il periodo e soprattutto perché le liste non saranno ancora state presentate. Il termine sarà 30 giorni prima del voto, quindi venerdì 13 gennaio. E sarà proprio gennaio il mese più caldo per i partiti, il rush finale per convincere gli elettori. Come successe per le amministrative del 2021, quando comizi e incontri si concentrarono prevalentemente a settembre.