«Il Campo Largo da noi si trasforma in possibile alleanza con Fratelli d'Italia». Domenico Alfieri non usa mezzi termini. Ancora una volta il sindaco di Paliano, ex segretario provinciale del Partito Democratico, prende una posizione forte e netta.
In un post sui social network rileva: «Il Partito Democratico vive una crisi senza precedenti. A cosa è dovuta? Probabilmente l'elettore non comprende più la linea del partito e non capisce le proposte di cui si fa partecipe. Insomma, non capisce l'identità di un partito che negli anni è stato troppo impegnato e concentrato sull'obiettivo di governare a tutti i costi. L'esempio di ciò che sta avvenendo in questi giorni nella nostra provincia per l'elezione del presidente. A costo di vincere e governare, il cosiddetto Campo Largo da noi si trasforma in possibile alleanza con Fratelli d'Italia. E poi ci chiediamo perché l'elettorato non ci vota o non ci comprende. Forse dobbiamo iniziare a pensare di nuovo ai problemi delle persone e meno alla gestione del potere. Ed essere più coerenti tra quello che si dice e quello che si fa».

Nei giorni scorsi Alfieri aveva rilevato: «Riguardo le imminenti elezioni del presidente della Provincia di Frosinone, leggo di una possibile "soluzione istituzionale" caldeggiata da alcuni del Pd. Come al solito il Partito Democratico di Frosinone non discute e non si confronta sulle scelte ma porta a ratifica decisioni prese da un piccolo cerchio di persone senza consultare nessuno e in questo caso gli amministratori del Pd e quelli civici dell'area progressista che sono corpo elettorale in questa competizione». Aggiungendo: «Se si volesse davvero percorrere la "soluzione istituzionale" l'unica legittima a definirsi tale sarebbe quella di Riccardo Mastrangeli in quanto sindaco di Frosinone, Comune capoluogo.

Tutte le altre ipotesi sono di natura politica e non "istituzionale" come qualcuno vuol far passare in quanto difficili da giustificare politicamente ma contenenti motivazioni a noi poveri umani oscure. Io penso che invece si debba lavorare ad una candidatura che rappresenti le forze progressiste di questa provincia e penso che ci siano sindaci che possano rappresentare perfettamente questo profilo politico. Basta inciuci e assurdi disegni politici che hanno affossato il nostro partito in questi anni. Sbagliare è umano, perseverare è diabolico».