Entra subito nell'agone politico, subito dopo l'ufficializzazione della candidatura al collegio uninominale della Camera Cassino Terracina, il già due volte sindaco di Frosinone e coordinatore provinciale della Lega Nicola Ottaviani: «Essere chiamati a rappresentare due territori così importanti, inseriti all'interno delle province di Frosinone e Latina - ha dichiarato Ottaviani – costituisce sicuramente motivo di orgoglio e di grande responsabilità sociale. I parlamentari della nuova legislatura dovranno mettersi a disposizione delle comunità locali, tutelando il lavoro, le imprese, l'ambiente e mirando a recepire le tante innovazioni culturali, di metodo e di mentalità offerte delle opportunità del Pnrr. Alcuni anni fa, quando mi venne proposta l'esperienza del parlamento europeo, non esitai a rinunciare, perché la carica di sindaco di un capoluogo avrebbe imposto lo scioglimento anticipato di un'amministrazione comunale, ma ora non avevo altre giustificazioni per sottrarmi ad un impegno pubblico, per servire lo Stato e la Nazione. Ringrazio tutto il centrodestra, ad iniziare da Matteo Salvini, per la designazione unanime della mia persona per la Camera dei Deputati e cercherò di mettere a disposizione le esperienze pubbliche e professionali, per continuare a supportare gli interessi e le aspettative dei nostri territori».

«Nicola Ottaviani è la persona giusta per rappresentare in Parlamento gli interessi del Basso Lazio. Bene ha fatto Matteo Salvini a volerlo come candidato nel collegio uninominale Cassino-Terracina». È quanto ha dichiarato il consigliere provinciale della Lega Andrea Amata che ha evidenziato: «Nei dieci anni da sindaco Nicola ha letteralmente trasformato Frosinone, da marginale città di periferia a reale capoluogo di una intera provincia. Lo ha fatto grazie alle sue doti, alle sue capacità, alla sua preparazione e anche alla sua grande umanità che lo ha posto in sintonia con le sensibilità dei cittadini. Non sta a me elencare i suoi successi, che sono sotto gli occhi di tutti e hanno costituito la base per la riconferma pochi mesi fa del centrodestra e di Riccardo Mastrangeli».

«Ora Nicola ha davanti a sè questo ulteriore salto di qualità e a lui – conclude Amata – vanno i mie auguri, nella convinzione che quanto già dimostrato da amministratore locale sia la migliore garanzia per i risultati da raggiungere da palazzo Montecitorio. Finalmente gli interessi e le aspirazioni di questa terra saranno nelle giuste mani. Come diciamo noi, credo in Nicola».