«Non esiste un vento favorevole per chi non sa dove andare, ma è certo che per chi va controcorrente il vento è sempre sfavorevole. Sapevamo fin dall'inizio di dover combattere contro zombie che avrebbero fatto di tutto per sconfiggerci o, ancor peggio, contagiarci». Lo ha scritto il fondatore del Movimento Cinque Stelle Beppe Grillo sul suo blog. Postando anche un album con le foto di chi è andato via dai Cinque Stelle.

Tra gli altri c'è Luca Frusone, deputato per due legislature. Ha scritto Grillo: «E così è stato: alcuni di noi sono caduti, molti sono stati contagiati. Ma siamo ancora qui, e alla fine vinceremo, perché abbiamo la forza della nostra precarietà: siamo qui per combattere, non per restare, e questa nostra diversità è spiazzante per gli zombie». E ancora: «Compiangiamo chi di noi è caduto e non ha resistito al contagio. Ma soprattutto ringraziamo chi di noi ha combattuto e combatte ancora».

Luca Frusone, che ha seguito Luigi Di Maio in Impegno Civico, nota: «Uno dei motivi per i quali siamo andati via è anche questo: un modo di comunicare sempre di dileggio verso chi la pensa in maniera diversa. Una volontà costante di mettere alla gogna e di considerare chi ha una posizione differente come un nemico e non un avversario politico. Luigi Di Maio, invece pensa a costruire. Per questo lo abbiamo seguito».