«Quando nel luglio 2021 noi di Articolo Uno, sezione di Frosinone, decidemmo in accordo con il Psi di costruire un nuovo centrosinistra, l'idea era (e resta), quella di ridare dignità alla politica costringendo i partiti, con i propri simboli e rappresentanti, ad assumere la responsabilità dei propri atti, ponendo sé stessi alla base di una coalizione tutta nuova. Tornando a metterci la faccia, per così dire». Così Ivano Alteri, coordinatore del Nuovo Centrosinistra e della lista politica Il Cambiamento.

Afferma: «Da subito questo progetto politico di base fu significativamente osteggiato da più soggetti, con i pretesti più vari. Primo suo avversario fra tutti fu Francesco De Angelis, che chiedeva a gran voce di "azzerarlo", poiché al contrario mirava, e continua a mirare, alla creazione di un'ammucchiata trasversale. A seguire Gaetano Ambrosiano, che di Articolo Uno era il segretario provinciale».

Aggiunge Ivano Alteri: «E se non è giusto dire che le Amministrazioni delle rispettive aree non abbiano fatto niente nel corso di quei lunghi decenni, di certo si può affermare tranquillamente che né l'una né l'altra parte sono mai riuscite a far risalire Frosinone dagli ultimi posti di tutte le classifiche nazionali sulla qualità della vita dei cittadini. Sono così di parte, allora, se dico che la coalizione del Nuovo Centrosinistra che sostiene il candidato sindaco Vincenzo Iacovissi resta l'unica in grado di frantumare con forza quel muro di potere trasversale e antipopolare? L'unica a costituire la vera alternativa? L'unica in grado di rinnovare la politica? L'unica in grado di fare del bene alla città e ai cittadini? La risposta a queste domande la daranno i cittadini frusinati il 12 giugno, ovviamente. Ma non solo eleggendo il sindaco e i consiglieri comunali, bensì scegliendo di sostenere consapevolmente una politica nuova per la città».

Il ragionamento politico del coordinatore del Nuovo Centrosinistra è così sintetizzabile: il progetto è stato contrastato perché poteva rompere una logica di contrapposizione tra centrodestra e centrosinistra.