Sono otto i Comuni della provincia di Frosinone chiamati al voto alle ormai prossime amministrative: oltre a Frosinone, il capoluogo, ci sono Campoli Appennino, Castelnuovo Parano, Picinisco, Piedimonte San Germano, Pofi, San Biagio Saracinisco, San Giovanni Incarico. Con una popolazione totale pari a 67.665 abitanti.

Resta da vedere quando verrà fissata la data. Le ipotesi possibili sono tre: 29 e 30 maggio, 5 e 6 giugno, 12 e 13 giugno. L'unico Comune per il quale è previsto il ballottaggio se nessuno dei candidati a sindaco dovesse raggiungere il 50% più uno dei voti al primo turno è Frosinone.

In tutto il Lazio sono 53 su 378 i Comuni del Lazio che dovranno rinnovare i propri organi di governo. I capoluoghi di provincia sono 3: Frosinone, Rieti e Viterbo. Mentre i centri al di sopra dei 15.000 abitanti sono 12. In totale il 14% delle Amministrazioni saranno rinnovate. La popolazione interessata è di 1.016.361 abitanti. In Italia i capoluoghi di provincia al voto sono 23, quattro dei quali anche capoluoghi di regione: Palermo, Genova, Catanzaro e L'Aquila.

Nei due anni precedenti le elezioni amministrative sono sempre state spostate in autunno a causa della situazione legata al Covid-19. Complicato però che anche stavolta possa andare così, considerando che il Consiglio dei ministri ha approvato all'unanimità la road map per allentare le misure anti-Covid da aprile, dopo la fine dello stato di emergenza prevista per il 31 marzo. Mario Draghi ha detto: «Come avevo anticipato alla fine dello scorso anno, l'obiettivo del governo era il ritorno alla normalità, a riconquistare la nostra socialità. Credo che i provvedimenti approvati riconoscano che questo è uno stato a cui siamo arrivati».