Esperia sceglie la strada della continuità: Giuseppe Villani si conferma sindaco con 133 voti su 2604 schede scrutinate. Commercialista, eletto per la prima volta cinque anni fa, alle spalle una lunga esperienza amministrativa, conserva la sua poltrona a capo della lista 'Uniti per Esperia'. Villani batte così la concorrenza di Patrizio Caporusso, farmacista per la prima volta è sceso nell'agone politico, che alla guida di 'Esperia che cambia' ha totalizzato 1235 preferenze. 

Sfida a due per ottenere la fascia tricolore al Comune di Esperia. Da una parte ci sarà il sindaco uscente Giuseppe Villani che cercherà di conquistare la riconferma, dall'altra un volto nuovo il farmacista Patrizio Caporusso. Una partita che ha regalato sorprese e colpi di scena.

A candidarsi per la riconferma è l'uscente Giuseppe Villani a capo della sua lista "Uniti per Esperia".
«Ho deciso di ricandidarmi per portare a termine tutti i progetti che abbiamo avviato - ha spiegato l'uscente Villani -  In questi primi cinque anni abbiamo gettato le basi per molte opere e tanti servizi, ora nel secondo mandato vogliamo portare a compimento la trasformazione di Esperia».

Se da una parte ci sono molte conferme, dall'altra c'è il volto nuovo. Patrizio Caporusso, classe 1964, farmacista del paese e papà da soli tre mesi. Proprio lui è il candidato sindaco della lista "Esperia che cambia" che si presenta agli elettori con un mix di volti nuovi, esponenti dell'attuale opposizione e consiglieri che hanno scelto di lasciare la compagine di maggioranza in corso d'opera. Ma perché ha scelto di candidarsi? «Io sono sempre stato lontano dalla politica – ha spiegato –La scelta di candidarmi in prima persona è stata assunta dopo. 

di: Romina D'Aniello