La notizia era stata già anticipata ma ora il sindaco Alioska Baccarini e la delegata al bilancio Rachele Ludovici spiegano nel dettaglio la scelta di far slittare a fine febbraio il pagamento della Tari e senza gli interessi.

«La volontà di questa amministrazione è quella di trovare nelle maglie dei conti pubblici e delle normative di riferimento delle importanti agevolazioni fiscali o tributarie per i più colpiti dall'emergenza sanitaria», sottolineano.

«Per questo motivo  - spiega Rachele Ludovici - condivido in pieno la nota dell'associazione nazionale ufficio tributi enti locali (Anutel) che ha chiesto l'introduzione di una norma per evitare che il fardello della Tari possa appesantire la già difficile situazione che stanno vivendo le attività chiuse».

«In sostanza l'Anutel ha chiesto al ministro "una disposizione di legge che possa consentire ai Comuni, in deroga alle norme vigenti, di deliberare le misure riduttive o agevolative in favore delle utenze della tassa sui rifiuti maggiormente colpite dell'emergenza sanitaria, con efficacia sulla Tari 2020". Una proposta concreta. per questo mi preme ringraziare - conclude l'assessore Rachele - Ludovici gli uffici comunali per il lavoro fin qui svolto». Una boccata d'ossigeno.