Alatri e Sora in prima fila. Ma si voterà anche ad Acquafondata, Alvito, Casalattico, Castrocielo, Castro dei Volsci, Collepardo, Esperia, Fumone, Monte San Giovanni Campano, Pastena, Roccasecca, Sgurgola, Supino, Terelle, Torre Cajetani, Trivigliano, Vallecorsa, Vicalvi, Viticuso.

Sono 21 i Comuni che andranno al voto nella prossima primavera, quella del 2021. Pandemia da Coronavirus permettendo naturalmente. Sfide importanti ovunque, alle quali naturalmente guardano tutti i partiti politici.
È chiaro che l'attenzione è concentrata principalmente su Alatri e Sora, centri con oltre 15.000 abitanti, nei quali dunque è previsto il ballottaggio se al primo turno nessuno dei candidati a sindaco dovesse superare il 50% più uno dei voti. Ma ovunque ci sarà da battagliare.

Prima o dopo le comunali si svolgeranno anche le provinciali per il rinnovo dei 12 consiglieri. Un appuntamento riservato agli addetti ai lavori ma comunque indicativo. La doppia scadenza elettorale è stata già sottolineata nel calendario di tutti i partiti. Anche per un'altra considerazione: con 345 seggi parlamentari in meno sarà complicato per chiunque strappare una candidatura eleggibile.

Inoltre, sia le regionali che le politiche sono in programma nel 2023. C'è tempo quindi, ma intanto sarà fondamentale contarsi. Per chiunque. Mentre le comunali di Frosinone, il capoluogo, si terranno nel giugno del 2022.

Per quanto riguarda intanto le comunali del 2021, saranno un esame per tutti. Per il Partito Democratico del neo segretario provinciale Luca Fantini. Ma anche per il centrodestra. Anzi, forse soprattutto per il centrodestra. Bisognerà vedere quali saranno i candidati a sindaco ma anche le coalizioni.

In Ciociaria la Lega ha bisogno di battere un colpo ed eleggere un sindaco, considerando che i tre primi cittadini attuali sono stati eletti prima dell'adesione al Carroccio: Nicola Ottaviani (Frosinone), Riccardo Frattaroli (Settefrati) e Franco Moscone (Casalvieri).
Fratelli d'Italia non nasconde di puntare alla leadership della coalizione in provincia di Frosinone. E Forza Italia vuole continuare a recitare da protagonista. Sarà importante capire se a Sora e ad Alatri il centrodestra si presenterà unito oppure no. Quanto successo a Terracina rappresenta comunque un precedente da tenere in considerazione.

Riflettori puntati sulla Lega da una parte e su Fratelli d'Italia dall'altra. Anche perché all'orizzonte c'è comunque il capoluogo, la vera sfida che nessuno può perdere.